NATALE – Autoguidovie e Caritas diocesana insieme per la solidarietà

Anche in Autoguidovie l’emergenza sanitaria ha costretto in questi mesi a rivedere servizi, organizzazione, abitudini per rispettare le nuove regole garantendo la sicurezza di tutti e la sostenibilità del servizio. “Lo abbiamo fatto e lo stiamo facendo con prontezza ed efficacia”, dicono i vertici della società. Purtroppo questa epidemia cambierà anche l’atmosfera del Natale e anche in Autoguidovie sarà un Natale diverso.

Per ridurre al massimo i rischi di contagio per nostri lavoratori, in osservanza alle rigide regole imposte, è stato deciso quest’anno di impiegare le risorse, normalmente dedicate all’acquisto di omaggi e strenne, a finanziare un progetto di solidarietà con l’associazione Caritas. “Questa iniziativa rientra nel percorso di Autoguidovie per la sostenibilità – racconta Corrado Bianchessi, direttore HR di Autoguidovie –. In Autoguidovie, da sempre impegnata in un servizio di mobilità moderno, integrato, accessibile, sicuro, rispettoso dell’ambiente, in questo particolare e difficile momento di crisi economica abbiamo pensato quanto fosse importante essere vicini ai bisogni delle persone in difficoltà con un’iniziativa ‘natalizia’, offrendo un sostegno alle famiglie particolarmente colpite dall’emergenza alimentare e che si trovano in situazioni di disagio, nei territori del Cremasco e del Pavese; tutta Autoguidovie e Caritas hanno reso possibile questo progetto”.

“Quando Bianchessi ci ha chiamato – dichiara Claudio Dagheti, direttore della Caritas diocesana di Crema – abbiamo condiviso con gioia questa iniziativa. Da marzo a oggi, presso i servizi della Caritas diocesana sono fortemente aumentate le persone che entrano in difficoltà lavorativa ed economica a causa dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo. Sostenere l’emergenza alimentare da parte di un’azienda molto inserita nel territorio, come Autoguidovie, credo sia segno di una solidarietà reale vicina a chi è maggiormente nel bisogno. Auguro a tutto il personale di Autoguidovie, per quanto la situazione lo conceda, un sereno Natale e un sentito ringraziamento per questa piccola rinuncia che genererà molti gesti di solidarietà.”