MUSEO CIVICO – La mostra di Sob, tra sogno e realtà. Wonderland!

Tutti quanti, da bambini ma anche da adulti, abbiamo provato l’esperienza del sogno, la certezza di ritrovarci in un contesto “assurdo”, certamente estraneo alla realtà, ma talmente consistente e vivido da portarci a percepirlo come tale. Hanno provato questo i visitatori di Wonderland, mostra personale di SOBStefano Ogliari Badessi – inaugurata venerdì scorso al Museo Civico di Crema e del Cremasco. “Avevo promesso a Sob di lasciargli carta bianca, dicendogli di sentirsi a casa e di fare, nei due chiostri del Sant’Agostino, ciò che avrebbe ritenuto. Devo dire che… Stefano mi ha preso in parola, benvenuti nel mondo di Wonderland!”, ha esordito l’assessore alla Cultura Emanuela Nichetti durante la serata d’inaugurazione. 

Soddisfatto il curatore della mostra, Andrea Cattaneo, e con lui Sob: “Buon viaggio. A voi stabilire il confine tra sogno e realtà, capire dove inizia l’uno e termina l’altro”, ha detto l’artista. Poi, tra mangiatori di fuoco, un muscolosissimo alzatore di pesi dal perfetto Inglese e musica, il numeroso pubblico accorso all’opening ha potuto catapultarsi nel mondo illusionistico, sognato e sognante di SOB, popolato di ballerine, maschere, animali fantastici e filiformi, costellazioni,  luci e colori. Ogliari Badessi e il curatore (amico) Cattaneo – con l’aiuto di alcune collaboratrici dell’Accademia di Brera – hanno saputo guidare il pubblico in un percorso non solo artistico, ma anche introspettivo e personale, “alla riscoperta dell’io più profondo”. Ispirandosi alla filosofia dei Surrealisti, ricorrendo a tecniche meditative e teorie dello shamanesimo, l’artista si riappropria della trama tessuta dal proprio inconscio, diventando un “sognatore lucido”. 

Diversi gli ambienti visitabili in un’installazione che consigliamo di vivere, specie la sera, dove i materiali riciclati riprendono vita. Tra sogno e realtà.

Apertura ancora oggi (sabato 10-12/15.30-24) e domani (domenica 10-12/15.30-24). Foto in apertura di Andrea Cattaneo.