Ripalta Guerina – Attenzione alle truffe, il maggiore Carraro incontra la popolazione

L'incontro del maggiore Carraro a Ripalta Guerina

Dando risposta a una precisa istanza del sindaco Luca Guerini, a seguito di un episodio che ha coinvolto un pensionato del paese, il maggiore dell’Arma Giancarlo Carraro mercoledì ha incontrato un nutrito gruppo di anziani del paese informandoli sulle insidie che recentemente hanno mietuto vittime nelle cosiddette fasce deboli. “Oltre a truffatori che si presentano sulla porta di casa simulando di essere tecnici addetti al controllo dell’impianto idrico per verificare la presenza del batterio della legionella – ha spiegato Carraro – o che li contattano telefonicamente asserendo di essere avvocati che sono intervenuti su richiesta dei Carabinieri a seguito di un sinistro stradale che ha coinvolto un loro familiare, spesso le vittime vengono contattate telefonicamente anche dai call center che propongono contratti vantaggiosi per le utenze di casa (telefono, luce e gas). In realtà spesso vengono proposte delle tariffe apparentemente ‘convenienti’ (per sempre) che tuttavia nascondono spese accessorie o servizi di noleggio che fanno lievitare di molto il prezzo della bolletta”.

Grazie a questa campagna di sensibilizzazione che ha coinvolto anche il primo cittadino, alcuni anziani si sono fatti avanti lamentando che nei giorni precedenti erano stati contattati da un call center di un gestore telefonico arrivando a sottoscrivere un contratto di noleggio per 48 mesi di un modem per utilizzare l’adsl. “In realtà, il Comune di Ripalta Guerina non dispone ancora dell’adsl e quindi il call center ha fatto una proposta mendace tant’è che la vittima ha sottoscritto un contratto di noleggio di un apparecchio che in realtà non potrà utilizzare e dovrà pagare comunque a meno che non disdica il contratto rivolgendosi al gestore telefonico lamentando quanto successo”.

Grazie a questa opera di informazione svolta dai carabinieri di Crema, quindi, una parte della cittadinanza è stata sensibilizzata a fare attenzione a non aderire a tali iniziative che portano ad un evidente danno economico ed ha risposto in maniera corretta.

“L’invito che viene rinnovato – la conclusione del maggiore – è quello di non sottoscrivere contratti telefonicamente ma, nel dubbio, di informarsi presso i negozi convenzionali delle iniziative che sono state proposte per capirne la reale fattibilità”.

Nelle prossime settimane il comandante della Compagnia cremasca dei Cc  terrà altri incontri nei Comuni di Fiesco (29.10.18), Credera Rubbiano (30.10.18), Casaletto Vaprio (5.11.18), Castel Gabbiano (8.11.18), Torlino Vimercati (15.11.18), Ticengo (16.11.18), Castelleone (22.11.18) e Trigolo (23.11.18).