SONCINO – PRIMA RAVE PARTY, POI ARRESTO

Prima il rave party non autorizzato a Soncino, con l'intervento delle Forze dell'Ordine. Poi l'arresto di uno dei partecipanti a Crema, si tratta di un giovane di Castelverde trovato con droga. Bilancio di un fine settimana di super lavoro per Carabinieri e Polizia.
Il tutto ha inizio sabato notte quando presso una ex falegnameria di via Cremona, a Soncino, centinaia di ragazzi si danno appuntamento per un 'rave', festa borderline a base di musica e spesso di qualche eccesso. Una iniziativa non autorizzata tant'è che quando le Forze dell'Ordine ne vengono a conoscenza intervengono e la interrompono facendo sgombrare l'area occupata senza autorizzazioni. Le prossime settimane saranno in parte dedicate all'identificazione dei partecipanti per l'eventuale formalizzazione delle denunce.
Il deflusso dei giovani avviene in parte verso il territorio bresciano, in parte verso la Bergamasca, in parte verso il Cremasco. Ed è proprio a Crema, in stazione ferroviaria, che nel pomeriggio di domenica, intorno alle 18.30, Carabinieri e Polizia Locale si imbattono in un 39enne disoccupato di Castelverde. Il giovane probabilmente sta cercando di fare rientro a casa ma viene controllato dagli agenti e dai militari che lo trovano in possesso di hashish, marijuana e altro stupefacente in quantità tale da non giustificare il possesso per uso personale. Il 39enne viene pertanto arrestato per detenzione a fini di spaccio di droga..
Il giovane si sarebbe trovato in forte stato di alterazione. Per tale ragione sarebbe prima passato dall'ospedale di Crema per accertamenti per poi finire in camera di sicurezza in attesa di processo.