FIERA DEL BOVINO DI CREMONA – Incontro in Camera di Commercio: patrimonio del nostro territorio

S’è tenuto in questi giorni aprile presso la sede della Camera di Commercio di Cremona l’incontro tra il commissario straordinario Gian Domenico Auricchio, il sindaco di Cremona  Gianluca Galimberti, l’on. Danilo Toninelli e il consigliere regionale Marco degli Angeli (Cinque Stelle).
Dopo aver commentato lo stato dell’economia locale dopo un anno di pandemia, è stata ricordata la decisione di Anafij di spostare presso la Fiera di Montichiari, nel novembre 2021, la 69a edizione della Mostra nazionale della Frisona e della Jersey italiana, sradicandola da Cremona, città dove si erano tenute le precedenti 68 manifestazioni.
La Fiera del bovino da latte di Cremona – sostiene Auricchio – per storia e per caratteristiche è un patrimonio del nostro territorio, e quindi anche della Regione Lombardia, ma costituisce anche vanto per tutta la zootecnia nazionale, di cui è vetrina a livello internazionale. All’onorevole ho ricordato quanto la zootecnia e l’agricoltura siano vitali per la nostra provincia: basti ricordare che il 5,1% del valore aggiunto prodotto a Cremona dipende dall’agricoltura, contro il 2,2% medio italiano e 1,1% medio regionale e che la collegata industria agro alimentare occupa sul nostro territorio circa 5.000 addetti e come la Fiera di Cremona sia vitale anche per altri settori”.
Ogni euro investito nelle manifestazioni genera infatti un effetto moltiplicatore di 10/12 volte. “Si tratta di un indotto stimato in circa 50.000.000 di euro, fondamentali per le nostre imprese, in particolare per quelle della filiera turistico ricettiva e del commercio, così duramente provate dalla pandemia: non possiamo permetterci di perderli. Si pensi anche agli effetti positivi sull’occupazione di ogni evento fieristico”. Per questo le categorie economiche, nessuna esclusa, e i sindacati nel corso dell’incontro convocato lo scorso 29 marzo si sono schierati all’unanimità a favore della Fiera e del suo necessario rilancio.

Ampio servizio su giornale di domani in edicola.