FAI – Ecco i quattro “Luoghi del cuore” del nostro territorio, candidati

Dopo due mesi di isolamento, nella settimana in cui l’Italia riparte, la Delegazione Fai di Crema presenta il censimento nazionale I Luoghi del Cuore del Fai: un progetto realizzato grazie all’impegno di tantissime persone che si attivano e, con determinazione, coinvolgono le comunità locali affinché i ‘luoghi’ che amano siano protetti per sempre. L’Italia è ricca di luoghi unici che testimoniano e raccontano la nostra storia, i nostri ricordi. Con il censimento I Luoghi del Cuore, il Fondo Ambiente Italiano, fondazione non-profit, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, chiede a tutti i cittadini di segnalare e votare i posti che amano, che li hanno emozionati, per contribuire a valorizzarli e a salvarli.

Oltre a premiare i primi tre classificati e i vincitori delle classifiche speciali, il Fai, dopo il censimento, nei primi mesi del 2021, sosterrà una selezione di progetti promossi dai territori a favore dei luoghi che hanno raggiunto una soglia minima di 2.000 voti. Proprio questo (2.000 voti per ciascun luogo!) è l’obiettivo che si prefiggono i comitati o i proprietari (pubblici o non-profit) e i portatori di interesse dei luoghi candidati a Crema, Casaletto Vaprio, Pandino e Ripalta Nuova. Potranno così presentare alla Fondazione una richiesta di restauro, valorizzazione o istruttoria sulla base di specifici progetti d’azione. Tutti possono inserire nel sito www.iluoghidelcuore.it nuovi luoghi e votare, e far votare, i luoghi già pubblicati. Chiunque può registrarsi sul sito come comitato e usufruire dei materiali personalizzati per la raccolta voti. Nel Cremasco, la Delegazione Fai di Crema svolge un ruolo di raccordo tra i comitati spontanei e la Fondazione, e fornisce supporto.

Ecco i quattro Luoghi del Cuore candidati in ordine alfabetico per località: a Casaletto Vaprio, l’ex chiesa parrocchiale di San Giorgio Martire, conosciuta come “Chiesa Vecchia”. L’edificio risalente, nella sua struttura attuale, al XV secolo è ora adibito a sala polifunzionale.

A Crema sono invece candidati i Giardini pubblici di Porta Serio, sostenuti dal Comitato #InsiemePerIGiardiniDiPortaSerio. Questo angolo della nostra città vanta il migliore esempio di giardino pubblico rintracciabile nell’intero territorio della provincia di Cremona, il cui allestimento fu formalmente iniziato nel 1858, per la cura della Deputazione del Civico Passeggio.

A Pandino il Castello Visconteo – sostenuto dal Comitato “Insieme per il Castello di Pandino” – è uno dei castelli viscontei meglio conservati della Lombardia. Edificato per volere di Bernabò Visconti e di Regina della Scala, a partire dal 1355 circa.

Infine Ripalta Nuova. Qui è candidato il Campanile della Chiesa parrocchiale di San Cristoforo Martire. Si tratta di un’alta e pregevole torre campanaria (tra le più alte del Cremasco!), costruita, come la chiesa, nella prima metà del XVIII secolo su disegno dell’architetto Giovan Battista Donati di Lugano.

È possibile votare più luoghi (a cominciare dai quattro “Luoghi del Cuore” candidati del nostro territorio!), ma per ciascuno di essi si può esprimere solo un voto. La partecipazione al censimento è gratuita, aperta a tutti (anche a chi non è iscritto al Fai): possono votare maggiorenni, minorenni, stranieri, italiani, enti pubblici, enti privati e scuole (attraverso un modulo di raccolta firme dedicato agli istituti scolastici). I singoli utenti possono riunirsi in comitati spontanei e promuovere il proprio “Luogo del Cuore” attraverso i materiali di voto personalizzati e scaricabili dal sito e con i kit per i social. 

 

Per aggiornamenti: fb delegazionefaidicrema. Per informazioni scrivere a: crema@delegazionefai.fondoambiente.it.

Articolo completo sul Nuovo Torrazzo in edicola sabato 23 maggio