PAPA FRANCESCO: Viaggio negli Emirati Arabi/1

papa francesco
Ieri mattina pioveva negli Emirati e la pioggia, rara in quei Paesi, è considerata un segno positivo: “Speriamo che vada tutto così!”. Così papa Francesco (il primo Papa a visitare la penisola arabica), in volo verso Abu Dhabi, ha salutato i giornalisti che lo accompagnano nel viaggio e a cui si è rivolto così: “Grazie per la vostra compagnia. Sarà un viaggio corto, breve. Oggi al mattino ho avuto la notizia che pioveva, ad Abu Dhabi: questo, in quel luogo, lo si considera un segno di benedizione. Speriamo vada tutto così. Grazie tante”. Poi ha aggiunto: “Io ho portato delle copie di un’icona fatta nel monastero di Bose, perché la portiate a casa: è sul tema del dialogo tra i vecchi e i giovani. Ho tanto a cuore questo, e credo che sia una sfida per il nostro tempo”. L’icona raffigura un monaco giovane che porta sulle sue spalle un monaco anziano.

L’ARRIVO E LA VISITA ALLA MOSCHEA

Il Papa è arrivato in auto al palazzo presidenziale di Abu Dhabi, dopo la cerimonia di ieri sera. Dopo essere stato scortato per tutto il tragitto dalle guardie presidenziali a cavallo fino all’ingresso principale del palazzo, Francesco è stato accolto dal principe ereditario, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan. Subito dopo il saluto della Guardia d’onore, con l’esecuzione degli inni e la presentazione delle rispettive delegazioni. Venti minuti dopo, l’incontro privato con il principe ereditario nel palazzo, al termine del quale, prima dello scambio dei doni, il Papa ha firmato il Libro d’onore. Nel pomeriggio, la visita alla grande moschea dello sceicco Zayed, una delle più grandi del mondo musulmano, che può ospitare 40mila persone: sarà il momento dell’incontro in forma privata con i membri del “Muslim Council of Elders”.