Crema – Grande festa della scuola Manziana in piazza Duomo

È stata proprio una bella festa quella della scuola diocesana Manziana, domenica scorsa in piazza Duomo! C’erano tutti, genitori, alunni e insegnanti per presentare alla città un istituto che ha fatto dell’English Edition il suo cavallo di battaglia.

Dall’Infanzia alla Primaria (con due insegnanti madrelingua), alla Secondaria di Primo Grado (qui ha preso il via), al Liceo Scientifico dove, per 7/10 ore la settimana si parla inglese. Se al termine del percorso scolastico, a 18 anni, saprai parlare inglese, avrai tante porte aperte… le università ti daranno borse di studio per stage all’estero, sarai favorito nei progetti di alto livello, avrai una chance in più per il lavoro.

La Manziana te ne dà la possibilità. Non perdere l’occasione, chi ti offre di meglio? Vieni da noi, non te ne pentirai.

Questa – in soldoni – la proposta che è stata distribuita a tutti con le nuove brochure preparate dalla Fondazione. Dopo questa prima giornata, la Manziana ha in programma altri tre Open day (sabato 18 novembre, la sera di venerdì 15 dicembre, sabato 13 gennaio): invitiamo tutti i genitori che vogliono dare una chance in più ai loro figli. E cosa non farebbe un genitore per crescerli al meglio?

Bene. Domenica la scuola diocesana ha messo in mostra i suoi muscoli, cioè tutte le sue potenzialità. Già dal mattino alle 11, erano presenti in piazza Duomo gli stand di tutti i livelli scolastici (infanzia, primaria, secondarie di primo e secondo grado), oltre a un stand di accoglienza, a uno stand per i giochi dei bambini e altri due: uno dell’associazione Amici della Manziana e del Gruppo ex-alunni; il secondo dell’Associazione Genitori Scuole Cattoliche (Agesc). Sono genitori che s’impegnano a valorizzare la scuola diocesana e a promuovere iniziative al suo interno. Gli ex-alunni, da parte loro, rivivono con nostalgia gli anni del Liceo e fanno gruppo, con iniziative culturali e di aggregazione.

Il momento culminante della festa è iniziato comunque alle ore 15. Alunni, genitori, insegnanti e la dirigente Anna dell’Infanzia si sono trovati in piazza Garibaldi e sono partiti in corteo verso piazza Duomo preceduti dalla banda di Casaletto Ceredano. Si sa, la banda ha la magica capacità di accendere l’entusiasmo.

La stessa cosa genitori, alunni, insegnanti e la dirigente madre Elisa in piazza Giovanni XXIII. Li precedeva la banda di Ombriano: veramente una simpatica fiumana di ragazzi e ragazze che hanno invaso la piazza. Gli alunni delle Superiori li aspettavano.

Nella piazzetta antistante l’episcopio, era stato allestito un palco, con un impianto audio e video professionali per trasmettere filmati durante l’intera durata della giornata.

Dopo un breve concerto della banda di Casaletto, alle 16 circa, sono iniziate le presentazioni delle varie scuole, davanti a un gran numero di genitori e cittadini interessati.

Ha aperto il presidente della Fondazione don Giorgio Zucchelli, poi i singoli presidi hanno presentato in sintesi i numeri degli iscritti (quest’anno sono lievitati significativamente) e i programmi didattici. Il tutto accompagnato da alcuni canti dei più piccoli e dai video che i ragazzi delle Secondarie di Primo e Secondo grado hanno preparato.

Anche qui è stato possibile verificare la qualità dei prodotti, grazie al corso liceale opzionale di Informatica-Robotica e Grafica pubblicitaria. Una seconda chance che il Liceo offre ai suoi alunni, oltre all’insegnamento del Latino secondo il metodo Ørberg, il cosiddetto “metodo natura”.

Un ringraziamento al coordinatore Michele Gianluppi, ai genitori, insegnanti, alunni e personale ausiliario che hanno collaborato alla realizzazione della festa: veramente tutti molto bravi! Alla prossima!