Ac Crema femminile – L’idea è quella di istituire un settore giovanile

La squadra femminile, impegnata nel campionato di Promozione, ha disputato una sola partita, con la Riozzese, terminata in parità, 2 a 2 e poi tutto si è fermato. La voglia di ripartire è grande, ma “non vi sono ancora certezze; ovviamente speriamo che si possa tornare in campo in tempi stretti”, riflette il responsabile del settore femminile dell’AC Crema, Marco Della Frera. “Prima di Natale, quando la Lombardia era diventata zona gialla, ci siamo incontrati un paio di volte per un briciolo di attività, ma nulla di più”.
Il peggio è venuto, purtroppo, appena dopo e adesso si confida nel 2021. “Se va bene potremmo ritornare a fare sul serio, a giocare per i 3 punti a fine marzo, prima sarà difficile, comunque attendiamo comunicazioni ufficiali dagli organi federali”. Il vostro obiettivo era e rimane il salto in Eccellenza? “Le aspirazioni ci sono, l’organico è bene assortito, ma i risultati si ottengono sul campo dove bisogna fare i conti con l’avversario. Purtroppo in questo periodo, stando ai contatti intercorsi, diversi sodalizi sono in palese difficoltà, c’è da augurarsi che tutti possano sviluppare i progetti studiati a suo tempo”. Della Frera fa notare che “anche il femminile dopo essere rimasto fermo 6 mesi la passata stagione, è stato attivo un mese e mezzo solamente e a fine ottobre s’è bloccato tutto. Le ragazze sono coinvolte a cadenza settimanale dal nostro mister, il milanese Simone Maraschi (svolge anche il ruolo di preparatore atletico): spiega tecnica e tattica alla la lavagna, assegna i compiti da svolgere a casa: insomma, qualcosa di porta avanti. Ma quante difficoltà!”. Maraschi è coadiuvato da Luca Pisani, anche preparatore dei portieri, milanese anch’egli. Gli aiutanti sul campo sono Romano Rubagotti e Alessandro Polimeni, il team manager è Claude Scarpelli; Martina Inzoli e Irene Barbaro sono le fisioterapiste; Martina Longhi si occupa parte burocratica; Anita Facco cura i video; Marco della Frera è il responsabile dell’intero settore, quindi il preciso punto di riferimento per tutti, convinto, oggi ancor più di ieri, che “soprattutto dopo un problema del genere, il calcio femminile può dare molto, darà molto, perché paragonabile a quello maschile di 50 anni fa, quindi senza ritmi forsennati, ma con tanta tecnica, dove si vedrà in modo significativo la mano dell’allenatore. Sì, sarà un football più sano, dove si potranno applaudire delle belle cose”.
L’Ac Crema intende istituire il settore giovanile femminile. “L’idea c’è, speriamo di farla camminare in fretta. Non mancano le difficoltà perché le piccoline adesso giocano coi maschi, ma siamo fiduciosi.
La società ci è sempre stata molto vicina, il presidente Enrico Zucchi, che ci crede particolarmente, è costantemente in contatto con noi e nel nostro contesto c’è una gran voglia di far bene”. L’organico della prima squadra è composto da: Elena Uggè, Beatrice Turrini, Marika Belloni, Elena Martini, Beatrice Granata, Vanessa Meraldi, Manuela Basciu, Asia Rubagotti, Federica Cavallotti, Linda Serrao, Deborah Rivaroli, Alessia Rescalli, Serena Facco, Elisa Strepparola, Lucrezia Carletti, Stefania De Nardi, Elena Barbieri, Giorgia Zanaboni, Lucrezia Tommaseo, Sara Borges, Marika Maranta, Diletta Cremonesi, Giada Lonati, Miriana Mantovani, Marilena Moramarco.