RIPALTA CREMASCA – Aiuti anti-Covid: il Comune riduce la Tassa Rifiuti del 20%

La facciata del municipio di Ripalta Cremasca

Tra gli aiuti messi in campo dall’amministrazione comunale di Ripalta Cremasca per andare incontro ai cittadini che si trovano a fronteggiare i negativi risvolti socio-economici dell’emergenza Covid, ecco arrivare un taglio della Tassa Rifiuti (Tari). Lo ha approvato la scorsa settimana l’assemblea consiliare che, allo stesso tempo, ha confermato – quindi senza nessun aumento – l’Imu.

“Abbiamo deciso – afferma il sindaco Aries Bonazza – di ‘dare una mano’ a tutti i ripaltesi riducendo del 20% la Tari relativamente all’anno in corso. Ovviamente, ognuno avrà lo ‘sconto’ sulla base della propria tassazione. Per coprire quanto risparmiato dalla popolazione, il Comune ha stanziato 66.341 euro”.
Ricordiamo che in merito alla Tassa Rifiuti gli ultra 65enni soli già avevano una riduzione del 20%, che per loro arriva adesso al 40%: si tratta di un bel risparmio. “Da fine agosto – riprende il sindaco – nelle case arriveranno i bollettini della Tari, accompagnati da una mia lettera in cui spiego e motivo la scelta della riduzione del 20%. Per quanto riguarda, invece, il pagamento, sono previste due rate, da versare entro il 16 ottobre ed entro il 16 novembre”.

Il “taglio” della Tari, come detto, è solo l’ultimo degli aiuti avanzati dall’amministrazione comunale durante questi mesi di emergenza sanitaria ed economica. “Abbiamo erogato contributi per l’assistenza alimentare – rileva Bonazza – provvedendo poi alla sanificazione e disinfezione di spazi e strutture pubbliche e all’acquisto di materiale sanificante. La nostra Polizia Locale è stata dotata di dispositivi di protezione e si è vista coprire le ore straordinarie. Non è mancata l’assistenza ai minori disabili, soprattutto nel periodo del lockdown. Il totale di spesa per tutti gli aiuti ammonta finora a 110.801 euro: dico finora perché stiamo valutando altri interventi, legati anche alla ripresa delle lezioni scolastiche”.

A proposito di scuola. L’assessore Corrado Barbieri è in stretto contatto con la dirigente scolastica e, in attesa di disposizioni certe da parte di Governo e Regione, si stanno già portando avanti alcune cose. A livello di spazi il plesso ripaltese è messo bene e, al momento, soltanto una classe verrà probabilmente divisa in due. Si provvederà a incrementare la connettività per le lezioni online. Per quanto riguarda la mensa, stante le attuali 80 pre-iscrizioni, il distanziamento sarebbe garantito: ma si sta valutando pure il pranzo in aula, in ogni caso con pasti monoporzionati.