Campagnola Cremasca – Animalisti assaltano una postazione fissa per la caccia; arrestati

Quanto recuperato dai Carabinieri sull'auto dei due animalisti

Attivisti di un movimento animalista compiono un assalto a danno di una postazione fissa per la caccia situata in Campagnola Cremasca e finiscono nei guai. L’episodio risale alla notte tra venerdì e sabato quando i Carabinieri hanno fermato i due dichiaratisi sostenitori del movimento ‘Alfanimal Liberation Front’, 23enne censurato disoccupato lui, 21 anni censurata e senza lavoro lei, entrambi domiciliati a Peschiera Borromeo.

Il controllo è scattato a Trescore Cremasco quando i militari hanno imposto l’alt a una Daewoo Matiz. I due giovani che si trovavano a bordo sono stati trovati in possesso di vari arnesi atti allo scasso, una bomboletta spray in vernice rossa, un binocolo professionale e copia di autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Cremona inerente un appostamento fisso di caccia in quel di Campagnola a favore di un cacciatore bergamasco. I militari hanno cercato rapidamente di ricostruire quanto potesse essere accaduto, riuscendovi anche grazie alla telefonata all’intestatario del permesso che insieme ai militari effettuava un sopralluogo al capanno “appurando che – spiega il luogotenente Giovanni Ventaglio – previa effrazione delle porte di accesso, l’appostamento era stato poco prima imbrattato internamente con vernice rossa con cui veniva reso inservibile quanto contenuto, erano stati liberati animali da richiamo legalmente detenuti, nonché asportati la citata autorizzazione provinciale e il binocolo professionale, poi restituiti entrambi all’avente diritto”.

Al termine delle formalità di rito i due sono stati arrestati e processati con rito direttissimo con il quale è stato convalidato l’arresto e fissata l’udienza del processo al 31 ottobre. Nel frattempo ai due è stata applicata la misura cautelare dell’obbligo di dimora a Peschiera Borromeo.