Alto Cremasco – Truffe, tre cittadine italiane indagate

A seguito di una querela sporta da un 35enne di Pandino, nei giorni scorsi i Carabinieri della stazione del paese dell’Alto Cremasco hanno deferito per truffa un’italiana 37enne.

La donna, dopo aver postato un annuncio nel quale pubblicizzava la vendita di dischi in vinile, “è riuscita a trarre in inganno il malcapitato appassionato di musica – spiegano dal Comando Provinciale dell’Arma –, facendosi accreditare la somma di euro 800 ma non spedendo mai i dischi promessi. L’uomo non vedendo arrivare i tanto attesi vinili e non riuscendo ad avere notizie in merito ha capito di essere stato truffato e si è rivolto ai Carabinieri per formalizzare la denuncia”.

Altre due donne sempre di nazionalità italiana, una 54enne e una 64enne, sono state deferite dai Cc di Pandino per una truffa che avrebbero consumato ai danni di una cittadina albanese. “Fingendosi intermediatrici del credito per conto di una società finanziaria francese – spiegano dal Comando provinciale dei Carabinieri – le due hanno pubblicato su Internet un annuncio con il quale promettevano facili finanziamenti traendo così in inganno la donna albanese che veniva indotta a versare sul loro conto corrente la somma di 2.300 euro come spese di istruttoria della pratica e soprattutto per poter più velocemente accedere al credito. Quando le due donne hanno richiesto il versamento di un ulteriore somma di denaro la donna si è insospettita e si è rivolta ai Carabinieri”.