Crema – “Mi stanno sparando” e si getta dal 3° piano; paura a Santa Maria

È successo di tutto nella mattinata di ieri, domenica 8 luglio, in via Carmelitani, nel quartiere cittadino di Santa Maria della Croce. Un 35enne di origine albanese, da anni in Italia con la famiglia, si è buttato dalla finestra della sua camera da letto, al terzo piano di una palazzina. Lo ha fatto dopo aver chiesto aiuto perché si sentiva minacciato, indicazione che ha fatto scattare l’intervento dei Carabinieri.

Tutto ha inizio verso le 11 quando alla centrale dei Carabinieri giunge la telefonata di un uomo che spiega come in via Carmelitani fosse in corso una sparatoria. Nel mirino di fantomatici killer vi sarebbe un 35enne che al telefono ha raccontato il suo stato di pericolo all’amico il quale non ha indugiato nell’allertare le Forze dell’Ordine. Immediatamente sul posto si fiondano 118 e Cc. Quando i militari arrivano sul posto trovano un uomo a terra in una pozza di sangue. Si teme per il peggio e con equipaggiamento da blitz (giubbotto antiproiettile e mitragliatori) i militari avviano l’intervento scoprendo ben presto che il giovane si era gettato dalla finestra della camera da letto dell’appartamento in cui vive. Gesto figlio di uno stato di alterazione psicofisica le cui cause sono sconosciute al momento.

Fortuna ha voluto che la saracinesca di un garage posto al pian terreno fosse aperta. Il 35enne vi è caduto sopra e questo ha attenuato l’impatto col suolo. Soccorso e trasferito in ospedale è stato preso in cura dai medici per le lesioni riportate. Non sarebbe in pericolo di vita.

I Carabinieri hanno effettuato un sopralluogo nell’abitazione. La porta della camera da letto era chiusa all’interno, cosa che lascia supporre come il giovane non fosse stato oggetto di aggressione a colpi di pistola. La camera era distrutta, altro elemento che lascia pensare che l’albanese fosse in forte stato di agitazione culminato nel volo dal terzo piano.