IZANO – Al parco giochi di via Brede lavori dopo la denuncia della minoranza

parco giochi
Lo scorso giugno i consiglieri di opposizione Giulio Ferrari, Alberto Maccalli e Luca Piloni avevano denunciato lo stato di abbandono del parco giochi di via Brede, a Izano. Una situazione negativa che si trascinava da tempo e un’incuria evidente tra tavolo rotto, fontana dell’acqua inutilizzabile e giostra danneggiata: insomma, rimarcavano gli esponenti di Insieme per Izano, “uno spazio pubblico non certamente idoneo per genitori, nonni e bambini che lo frequentano”. Tutto questo, ribadivano senza troppi giri di parole, “a causa della negligenza e dell’indifferenza dell’amministrazione comunale”.
A seguito di quella denuncia, informano oggi i tre consiglieri di minoranza, “l’amministrazione è stata ‘indotta’ nelle scorse settimane a effettuare la manutenzione del parco, a beneficio dei piccoli frequentatori dell’area gioco del paese”. Tavolo e fontana sono stati riparati, mentre la giostra rotta – e quindi pericolosa – è stata rimossa: l’auspicio è che venga sostituita da un altro gioco.
Ora, se da una parte c’è soddisfazione per l’intervento, dall’altra Ferrari, Maccalli e Piloni non possono far a meno di commentare la “pigrizia della maggioranza nella soluzione dei problemi”. Soluzione che, affermamo i tre consiglieri, è giunta dopo oltre un anno perché “una minoranza attenta e laboriosa ha ‘stimolato’ a più riprese una maggioranza assente e
non in grado di agire per il bene comune”. E aggiungono senza peli sulla lingua: “L’amministrazione comunale, ammettendo implicitamente la propria ‘incompetenza’, ormai è costretta a recepire le nostre indicazioni e, in questo caso, riparare il tavolo del parco. Bene, siamo contenti di aver esercitato con successo il nostro ruolo di controllo sull’operato di questi amministratori impegnati a organizzare feste e tombolate lasciando le problematiche del paese senza soluzioni”.
Detto questo Ferrari, Maccalli e Piloni concludono perentori: “Auspichiamo quindi che in autunno la maggioranza revochi i rincari delle tasse comunali attuati nei mesi scorsi che, ricordiamo, sono stati l’aumento dell’addizionale Irpef comunale e l’aumento del costo del trasporto scolastico dei ragazzi che frequentano il plesso di Offanengo”.
Al di là delle schermaglie politiche e delle lungaggini che spesso precedono le soluzioni dei problemi, in questo caso l’opposizione ha svolto al meglio il proprio ruolo e chi governa ha saputo cogliere i suggerimenti.