REGIONE – Nell’Albo dei Negozi Storici di Regione Lombardia 2017, anche 12 del Cremasco, riconosciuti “Storica attività”

Si è svolta ieri, a Palazzo Lombardia, l’annuale cerimonia di premiazione dei “Negozi storici”, il riconoscimento istituito 13 anni fa da Regione Lombardia, in accordo con gli enti locali e le associazioni di categoria, per tenere viva la memoria e valorizzare l’impegno e la capacità di adeguare la propria offerta ai cambiamenti del mercato, riuscendo a durare nel tempo.
Il premio viene infatti conferito a quelle attività che da almeno 50 anni uniscono tradizione e innovazione, creando con il loro servizio un valore per le comunità, i quartieri e le città in cui operano.
“I vostri negozi – ha sottolineato l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Mauro Parolini, aprendo l’evento – sono un patrimonio che vogliamo continuare a tutelare, un importante punto di riferimento in grado di giocare, in molti casi, anche un ruolo strategico fondamentale per l’attrattività turistica dei centri storici e delle realtà comunali in cui svolgete le vostre attività, mentendoli vivi, belli e sicuri.”
“Quello del riconoscimento e del sostegno alle attività storiche – ha aggiunto – è solo una delle iniziative inserite in un ampio contesto di misure e di incentivi economici che l’assessorato allo Sviluppo economico ha messo in campo per il settore del commercio. E che si uniscono a quelle contro la desertificazione commerciale, il sostegno degli interventi di riqualificazione e sicurezza degli esercizi commerciali e la valorizzazione di quei negozi e reti commerciali che si sono distinti per la capacità di generare attrattività con iniziative di marketing e strategie di vendita innovative.”
Gli esercizi storici riconosciuti da Regione Lombardia – che hanno almeno 50 anni di attività commerciale – sono localizzati in tutte le province lombarde e appartengono a oltre 20 categorie merceologiche.
Ai punti di vendita che possono certificare la continuità nel tempo dell’identità dell’insegna e dell’attività viene attribuito il riconoscimento di “Storica attività”; mentre a quelli che posseggono inoltre una collocazione architettonica, artistica e decorativa di pregio, attrezzature storiche tipiche e di assoluto rilievo, viene assegnato il riconoscimento di “Negozio storico”.
Agli esercizi che, oltre a possedere i requisiti dei due precedenti, presentano anche tratti di assoluto pregio – come la collocazione in contesti di “storica ambientazione” – o che rappresentano per la società veri e propri punti di riferimento nell’identità delle città lombarde, viene attribuito quello di “Insegna storica e di tradizione”.
Tra i premiati anche 12 negozi del Cremasco, che hanno ricevuto dall’assessore Parolini il riconoscimento di “Storica attività”: Alimentari Bonizzoni (1963), Farmacia XX Settembre (1855), Gelateria Bandirali (1953), Lameri Angelo (1965), Osteria del Santuario (1945), Ottica Capitano (1962), Piacentini Ornella (1941), Tabaccheria Smoke Line13 di Bonelli Mario (1965), Trattoria La Ferriera (1963), di Crema; Silva Arredamenti (1925), di Pandino; Alimentari Rocco (1932) e Macelleria Galmozzi (1955), di Ripalta Cremasca.
“Un premio importante, un risultato significativo per questi imprenditori che svolgono la loro attività da più di cinquant’anni, non senza difficoltà”, ha commentato Berlino Tazza, presidente di Sistema impresa e commercio-Asvicom, associazione che ha presentato le candidature. “Un modo per valorizzare il loro grande impegno e il ruolo che rivestono nella comunità.”
“Non dimentichiamo che queste aziende creano sviluppo e posti di lavoro, fungono da luogo di aggregazione e da presidio dei centri storici e lottano ogni giorno con concorrenza e grande distribuzione offrendo massima qualità, cercando al contempo di rinnovarsi”, ha sottolineato.
“Asvicom Cremona – ha aggiunto – continuerà ad accompagnare la candidatura degli imprenditori che possiedono i requisiti per partecipare al bando, affiancando ai singoli commercianti uno staff dedicato a redigere e raccogliere la documentazione necessaria a concorrere. Crediamo che anche grazie a iniziative come questa si diano opportunità ai negozi di vicinato. L’Albo dei Negozi Storici di Regione Lombardia è infatti un’iniziativa importante, inserita in un contesto più ampio di sviluppo e valorizzazione dei territori.”
“Il premio, oltre a valorizzare l’impegno di questi imprenditori – ha concluso – rappresenta un modo per preservare lo spirito delle azienda, per conservarne la memoria e consegnare alle future generazioni un pezzo di storia.”