PISCINA CHIUSA – Il sindaco Bonaldi: “A oggi non c’è un accordo”

Nuova puntata sulla piscina comunale cittadina, da mesi al palo. In merito ai rapporti con la società Sport Management, concessionaria della gestione del centro natatorio “Nino Bellini”, s’è espressa il sindaco Stefania Bonaldi. Ricordiamo che la società veronese è concessionaria della gestione fino al 2040. Nell’ottobre scorso – come noto – la richiesta al Comune di “concordato preventivo con continuità aziendale” e di un contributo, che l’amministraizone comunale ha concesso, per 150.000 euro, più 35.000 euro per le utenze. Ciò per le difficoltà dovute al Coronavirus. 

“La situazione è complessa sia in ragione delle chiusure ripetutamente imposte dai Dpcm dell’ultimo anno, ribadite anche nel provvedimento di Draghi a valere sino al 6 aprile, sia per la richiesta di concordato preventivo con continuità aziendale avanzata da Sport Management al Tribunale di Verona”, dichiara il primo cittadino. “Circostanza, quest’ultima, che implica l’impossibilità di far valere immediatamente clausole contrattuali volte a risolvere il contratto, ma che ci obbliga a sederci al tavolo per trovare punti d’intesa. Che però debbono essere accettabili e onorevoli anche per il Comune e i cittadini fruitori dell’impianto. A oggi non c’è ancora un accordo”.

Articolo completo sul giornale di sabato.