La Ricerca è nell’aria: in bici nel Cremasco per sostenere la ricerca

Sostenere la ricerca pedalando nella campagna cremasca insieme agli amici. Sarà possibile grazie alla prima edizione della biciclettata solidale organizzata in città dalla Fondazione Ieo Monzino a sostegno della ricerca medico-scientifica. La bella iniziativa ideata dalla cremasca Paola Merico, è stata presentata stamattina nella Galleria del municipio. Presenti Federico Palazzotto, responsabile eventi della Fondazione ieo Monzino, la citata Merico, il sindaco Fabio Bergamaschi, il presidente di Fiab Cremasco Davide Severgnini e l’assessore alla Cultura Giorgio Cardile.

Progresso nella salute

L’invito è per domenica 19 maggio (iscrizioni fino al 18), con partenza alle ore 8.30 da piazza del Duomo e arrivo alle 12.30 in piazza Trento e Trieste, dove è previsto il servizio di street food al mercato Autroungarico. La biciclettata La Ricerca è nell’aria è un evento sportivo non competitivo ispirato, come detto, da un’idea dell’affezionata sostenitrice Ieo Merico. La quale ha chiarito che “l’obiettivo è sensibilizzare chi parteciperà sul ruolo sempre più essenziale della ricerca e raccogliere fondi a favore dell’Unità Operativa di Chirurgia dell’apparato digerente dello Ieo, diretta dal dottor Uberto Fumagalli Romario. L’iniziativa rappresenta un’occasione speciale per sostenere la ricerca medico-scientifica, pilastro fondamentale per l’innovazione e il progresso nel campo della salute”.

Due suggestivi percorsi

La Fondazione Ieo Monzino, con trent’anni di impegno nel finanziamento esclusivo e diretto della ricerca clinica e sperimentale dell’Istituto Europeo di Oncologia e del Centro Cardiologico Monzino, intende da sempre individuare le cure migliori e sostenere progetti innovativi. “Credo che la parola bellezza ben riassuma l’evento – ha aggiunto Merico –. Bellezza della nostra città e campagna, bellezza della condivisione e bellezza nel sostenere la ricerca scientifica”. Due i percorsi possibili, entrambi molto suggestivi: 20 km Crema-Moscazzano-Crema, oppure 60 km Crema-Soncino-Crema. Il pranzo finale sarà a cura del Laboratorio Vero Amore. Sabato, ampio servizio sul giornale in edicola.