Via Cadorna: FI, “Responsabilità chiare, si blocchi l’iter in corso”

La scelta di chiudere il ponte di via Cadorna per eseguire la manutenzione straordinaria per Forza Italia è una decisione sbagliata e dannosa, ma soprattutto “che ha una chiara
responsabilità: l’amministrazione Bergamaschi. Ci sembra davvero scorretto che il centrosinistra cerchi di scaricare le responsabilità di una tale decisione sugli uffici comunali e sui tecnici professionisti esterni, nascondendosi dietro a scelte tecniche o progettuali. La verità è che l’amministrazione Bergamaschi non vuole investire le risorse necessarie per un nuovo progetto, che sicuramente costerebbe più dell’attuale, ma che potrebbe evitare la chiusura totale del ponte e prevedere invece una viabilità a senso unico alternato e un passaggio ciclopedonale garantito”. Il pensiero è di Alessandro Mirelli, coordinatore FI Crema, e del Comitato Forza Italia Crema e Cremona.

Traffico e attività

“L’amministrazione di centrosinistra, invece, preferisce spendere meno e far pagare il conto ai cittadini! Forse Bergamaschi e i capigruppo di centrosinistra non si rendono conto di quali danni economici e sociali comporti la chiusura del ponte di via Cadorna per un anno; sempre se poi sarà davvero solo un anno e non di più: enormi disagi che ricadrebbero inevitabilmente su tutta la cittadinanza e in modo particolare sui residenti dei quartieri di San Bernardino e Castelnuovo”, prosegue il referente cremasco. Per FI la ricaduta negativa economica sulle attività commerciali e produttive dei due quartieri sarà estremamente pesante. “Inoltre le migliaia di autovetture che transitano giornalmente sul ponte sarebbero destinate ad aggravare ulteriormente il traffico già congestionato di via Libero Comune e delle vie adiacenti”.

Non chiudere il collegamento

Forza Italia è sempre più convinta che si debba sospendere subito l’ite progettuale attuale, non chiudere il ponte e finanziare un nuovo progetto. “Sarà compito di chi amministra oggi Crema trovare le ulteriori risorse necessarie e dare mandato all’Ufficio Tecnico di procedere con l’affidamento di un nuovo progetto che non preveda più la chiusura del ponte, ma preveda un senso unico alternato e un passaggio ciclopedonale garantito. Ovviamente l’amministrazione non riuscirà a fare questo in pochi mesi e quindi è necessaria una sospensione dei lavori”. Almeno il senso unico alternato o altre soluzioni migliorative rispetto all’attuale per FI vanno garantite.

Non intestardirsi

la richiesta per l’amministrazione Bergamaschi è “di non intestardirsi, per principio o per capriccio, nel proseguire con un progetto sbagliato perché dannoso che prevede la
chiusura del ponte”. Gli azzurri si rendono disponibili “ad approvare qualsiasi emendamento al Bilancio che permetta di trovare soluzioni concrete a un problema che potrebbe potenzialmente diventare esplosivo. Il Coordinamento cittadino di Forza Italia Crema, nei prossimi giorni organizzerà un gazebo in prossimità del ponte, alzando il livello di
attenzione su un problema così importante. Forza Italia sostiene i cittadini pronti a promuovere una raccolta firme per la sospensione dei lavori e contro la chiusura del ponte, un’iniziativa civica e senza simboli di partito, per permettere a tutti gli interessati “di poter far sentire la propria voce di contrarietà alla chiusura del ponte, senza vincoli o
strumentalizzazioni politiche”.