Influenza. Il picco in Lombardia tra fine dicembre e inizio gennaio

Regione Lombardia
Foto di repertorio

In Lombardia è aumentato il numero di cittadini colpiti da influenza. Proprio in previsione della stagione invernale, lo scorso ottobre, la Giunta regionale ha approvato il Piano di Prevenzione delle sindromi respiratorie, che prevede 7 livelli di allerta.

Numerosi casi con sindrome influenzale causate da virus

Nell’ultima settimana ci sono stati numerosi casi di cittadini con sindrome influenzale causate da virus: in particolare da Rhinovirus, SARS-CoV-2 e virus parainfluenzali. Contestualmente sono in crescita le infezioni da Virus Respiratorio Sinciziale e da influenza.
Per monitorare e prevedere la diffusione delle sindromi respiratorie, Regione Lombardia ha implementato la sorveglianza prevendo una specifica analisi dei tamponi dei pazienti che si rivolgono ai Pronto Soccorso per queste problematiche.
Il possibile picco dell’influenza dovrebbe essere tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio. La situazione attuale corrisponde al secondo livello, definito “attivazione territoriale” e si va verso il terzo.

Collaborazione con medici e infermieri per combattere l’influenza

Particolare attenzione è rivolta ai soggetti fragili, anche grazie alla collaborazione con medici di Medicina Generale e gli infermieri di Famiglia e Comunità. Attivate aperture straordinarie e giornate dedicate alle vaccinazioni come già avvenuto nelle scorse settimane e inviti all’utilizzo di mascherine per i pazienti fragili e anziani con particolare attenzione ai mezzi pubblici. Sono previste anche implementazioni di posti letto aggiuntivi.
Le criticità sulla rete di “Emergenza Urgenza” sono circoscritte, ma si evidenzia una crescita generalizzata degli accessi in Pronto Soccorso negli ultimi 30 giorni. In aumento le sindromi respiratorie in particolare nelle province di Milano, Monza Brianza, Lecco, Pavia, Varese, Como, Mantova e Cremona.

Assessore Bertolaso: importante vaccinarsi per prevenire influenza e Covid

“Siamo in una situazione a macchia di leopardo – ha dichiarato l’assessore Guido Bertolaso – con alcune aree più critiche. Ho chiesto ai direttori generali delle nostre strutture sanitarie di essere presenti nei Pronto Soccorso per monitorare la situazione, soprattutto nel periodo tra Natale e Capodanno”.
Bertolaso ribadisce quanto sia importante vaccinarsi per prevenire l’influenza e il Covid. Entrambi i vaccini sono offerti a tutta la popolazione gratuitamente.
“Abbiamo fatto e stiamo facendo un lavoro impressionante – ha concluso l’assessore – mettendo a sistema competenze e conoscenze. I provvedimenti e gli stanziamenti economici ci sono. Come sono sempre stato abituato a fare, occorre prevenire, programmare e organizzarci in modo da affrontare qualsiasi scenario ci si presenti per limitarne il più possibile l’impatto”.