Cattedrale: contemplazione e canti di lode

Contemplazione del mistero della cattedrale
Il coro PregarCantando e l’orchestra Giovanni Maria da Crema, diretti da don Giacomo Carniti, durante la veglia. di contemplazione

Contemplazione del “mistero” della cattedrale, questa sera alle ore 21 nella cattedrale stessa. Secondo momento di celebrazione della Festa della Dedicazione. Ieri sera il Vescovo Daniele e i sacerdoti della città avevano celebrato una Messa solenne.

Della serata è stato protagonista il Coro PregarCantando e il gruppo strumentale Giovanni Maria da Crema, diretti da don Giacomo Carniti. All’organo Enrico Fasoli, alle trombe Antonio Stabilini e Gigi Ghezzi.

LETTURA DI BRANI E CANTI DI LODE 

La celebrazione si è svolta con la lettura di brani intercalati da canti. All’inizio un’Ave Maria e al termine una Salve Regina per ricordare che la cattedrale è dedicata alla Beata vergine Assunta in cielo.

Sono stati letti brani dell’omelia del card. Oscar Cantoni dopo gli ultimi restauri della cattedrale del 2010-2014; un brano della Prima lettera di San Pietro apostolo, un brano di sant’Agostino e della celeberrima omelia “Il segreto della cattedrale” pronunciata dal card. Giovanni Battista Montini, futuro San Paolo VI, alla riapertura della cattedrale dopo i restauri del 1959. Poi un brano del libro di Samuele e del Vangelo di Giovanni in cui Gesù si definisce tempio di Dio.

Il tutto concluso con la preghiera comunitaria del salmo 84 che esprime il desiderio del Tempio del Signore.

Una bella intensa, anche se breve, serata di preghiera, guidata dal parroco don Remo Tedoldi.