PalaBertoni: tornerà a ospitare la Serie A1? Oggi sopralluogo del Volley Bergamo

Il PalaBertoni di Crema è tra i palazzetti candidati a ospitare il Volley Bergamo, squadra di Serie A1 femminile che la prossima stagione non giocherà le gare casalinghe nella città orobica. Una rappresentanza della dirigenza incontrerà gli amministratori di Crema oggi per visitare il palazzetto e valutare la fattibilità dell’operazione.
La struttura che attualmente ospita le gare casalinghe della squadra erede della storica Foppapedretti verrà infatti dismessa nei prossimi mesi. Le società sportive cittadine dovrebbero trasferirsi dove attualmente sorge il Palacreberg, struttura che verrà abbattuta per fare spazio al nuovo palazzetto dello sport; che però non sarà pronto prima dell’autunno 2024.

Diverse opzioni sul tavolo

Ecco quindi la necessità di trovare una sede per le gare casalinghe delle società cittadine di Bergamo. La tradizione della pallavolo femminile a Bergamo è d’alto livello e la città ha festeggiato 8 Scudetti e 7 Champions League tra gli anni Novanta e il primo decennio del 2000, quindi il seguito di tifosi è altissimo. Trovare una struttura adatta a ospitare le partite per un’intera stagione non sarà facile per i dirigenti orobici, che stanno valutando diverse opzioni in varie aree della Lombardia.

I vantaggi della sede di Crema

Un match al PalaBertoni (repertorio)

La sede di Crema ha il vantaggio di essere lontana dalle altre realtà di A1 (le squadre della massima categoria più vicine giocano a Cremona e Monza, quindi a oltre 40 km), di ospitare solo le gare di pallavolo e di essere occupata dalle due società cittadine: il Volley 2.0 che milita in B1 femminile e la BCO che disputa il torneo di B maschile, che si alternano a giocare il sabato.
Il palazzetto è utilizzato la domenica solo dalle squadre giovanili che potrebbero essere dirottate in altre strutture cittadine.

Punti a sfavore

Non mancano i punti a sfavore del PalaBertoni che ha una capienza di poco superiore ai 1.000 posti, decisamente più bassa rispetto a quella dell’attuale palazzetto di Bergamo; la struttura mostra poi i segni del tempo e di una manutenzione non sempre attenta: l’impianto di illuminazione sarebbe da risistemare, così come i servizi e la copertura che, in caso di forti piogge, causa pozzanghere sulle tribune. Nella scelta del Volley Bergamo peserebbe quindi la volontà dell’amministrazione comunale e del BCO (società che attualmente gestisce la struttura) di portare miglioramenti sostanziali. Per Crema sarebbe l’occasione importante per ritornare al centro del mondo pallavolistico dopo le imprese di Reima e Volley Crema. Staremo a vedere.