Rc Auto. In calo del 2,1% su base annua. Codacons: “Troppo poco”

Santa Maria
Auto in coda al passaggio a livello su viale Santa Maria

Cala il prezzo medio effettivo dei contratti Rc auto, pari a 353 euro e in riduzione, quindi, del 2,1% su base annua. È quanto emerge dal bollettino statistico diffuso dall’Ivass. Rispetto al 2014, il prezzo si è ridotto di 135 euro (-27,7%); il 50% degli assicurati paga meno di 316 euro e solo il 10% meno di 186 euro. Inoltre prosegue il processo di convergenza dei premi Rc auto: il differenziale dei premi tra le province di Napoli e Aosta, infatti, è di 250 euro, in riduzione dell’11,4% su base annua. Rispetto al 2014, il differenziale si è ridotto del 47,9%. In lieve aumento, rispetto all’anno precedente, il tasso di penetrazione della scatola nera, pari al 21,2%.

“Presto le tariffe potrebbero tornare a salire”

Così il Codacons Cremona: “Si tratta di una riduzione delle tariffe davvero minima, considerati due anni di pandemia che hanno prodotto limiti agli spostamenti e un crollo degli incidenti in Italia. Se pensiamo agli enormi profitti incamerati dalle imprese assicuratrici grazie alla pandemia, i prezzi delle polizze avrebbero dovuto subire un crollo verticale, ma così non è stato. Il trend nel settore Rc auto, inoltre, rischia di invertire la rotta, con le tariffe che potrebbero tornare a breve a salire per effetto di inflazione e caro-energia, così come annunciato dalle compagnie di assicurazioni. Un’ipotesi che, oltre al danno, rappresenterebbe una beffa per milioni di assicurati.
Per informazioni sul tema, segnalazioni e per ricevere assistenza contattare il Codacons all’indirizzo codacons.cremona@gmail.com o al recapito 347.9619322”.