Papa: “Facciamo respirare alle giovani generazioni l’aria sana della pace”

Papa Francesco pace
Papa Francesco mostra la bandiera ucraina proveniente da Bucha (foto di repertorio)

Durante l’Angelus di questa mattina, domenica 2 ottobre, Papa Francesco ha di nuovo parlato della guerra in Ucraina. La pace in questa terra, che da febbraio è martoriata da un insensato conflitto armato, sembra sempre più lontana. Il mondo intero è preoccupato per una possibile escalation nucleare.

Il cessate il fuoco

Nell’Angelus il Papa ha rinnovato l’appello al cessate il fuoco immediato. “Tacciano le armi e si cerchino le condizioni per avviare negoziati capaci di condurre a soluzioni non imposte con la forza, ma concordate, giuste e stabili”. Quei negoziati che in primo momento erano stati avviati, poi interrotti bruscamente e la soluzione non sembra essere vicina.
Per il Santo Padre le soluzioni devono rispettare il valore della vita umana, della sovranità e dell’integrità territoriale di ogni Paese, dei diritti delle minoranze.
Poi facendo riferimento agli avvenimenti degli ultimi giorni (pseudo referendum con relative annessioni, il gasdotto Nord Stream 1) parla di un “rischio di un’escalation nucleare, fino a far temere conseguenze incontrollabili e catastrofiche a livello mondiale”.

Il Papa si rivolge ai due presidenti

Il Papa si è rivolto direttamente ai due presidenti, di Russia e Ucraina: “Il mio appello si rivolge innanzitutto al Presidente della Federazione Russa, supplicandolo di fermare, anche per amore del suo popolo, questa spirale di violenza e di morte. D’altra parte, addolorato per l’immane sofferenza della popolazione ucraina a seguito dell’aggressione subita, dirigo un altrettanto fiducioso appello al Presidente dell’Ucraina ad essere aperto a serie proposte di pace”.
Il Santo Padre invita i responsabili politici di tutto il mondo di fare tutto quello nelle loro possibilità per porre fine a questa guerra.
“Per favore, facciamo respirare alle giovani generazioni l’aria sana della pace, non quella inquinata della guerra, che è una pazzia” ha concluso.