Ex alunni del liceo ginnasio Racchetti. Sabato 24, l’incontro in sala Cremonesi

Sabato 24 settembre alle 16 presso sala Cremonesi del Museo Civico di Crema e del Cremasco sarà proposto l’incontro I DEMONI GIUNTI DALL’INFERNO. Quando i discendenti di Gengis Khan invasero l’Europa tra battaglie epiche, intrighi di corte e curiosità stravaganti.

I contenuti

In un mondo frenetico fatto di congiure e ribellioni, ordini cavallereschi e crociate si è scatenata la furia conquistatrice dei Mongoli, in quella che è stata in assoluto la maggiore invasione dell’impero nomade ai danni dell’Europa.
In seguito alla scomparsa di Gengis Khan, infatti, l’immenso impero da lui organizzato viene diviso tra i suoi tre discendenti poco prima della metà del Duecento. Al giovanissimo Batu, che in realtà era nipote e non figlio del celebre condottiero, vengono assegnati i territori più a ovest, protesi in maniera allettante verso quella Christianitas occidentale, dove dimoravano il papa e i re, il Sacro Romano Impero e un mondo intellettuale affascinante, ma testardo e dove c’erano soprattutto palazzi meravigliosi e ricchezze straordinarie.
Accade allora qualcosa di incredibile, perché nella percezione comune si mischiano le scarse conoscenze di quella pericolosa compagine con figure inquietanti, legate alle sacre scritture e così molti si convincono che demoni giunti dall’Inferno stiano annunciando l’Apocalisse.
Girano ormai le notizie più sconvolgenti e qualcuno arriva a dire che quei terribili Tartari che passano ore a cavallo siano cannibali al punto che un monaco benedettino, autore di una cronaca del tempo, decora i suoi scritti con un’illustrazione incredibile che ci narra brutalmente la pratica dell’antropofagia.
Solo le fonti – tante, appassionanti e sorprendenti – possono narrarci cosa fu la battaglia più grande combattuta tra un esercito occidentale e nomadi delle steppe e cosa comportò in realtà la tremenda occupazione durata oltre due anni.

Incontro a cura dell’Associazione ex alunni del Liceo Ginnasio “A. Racchetti”.