Giornate Europee del Patrimonio. Sabato 24 settembre “Un nuovo sguardo sulla villa tardoantico di Palazzo Pignano”

Palazzo Pignano
Immagine di repertorio. In foto zona degli scavi

Dopo l’apertura pomeridiana di domenica scorsa, l’area archeologica di Palazzo Pignano è pronta ad accogliare nuovamente il pubblico interessato. L’appuntamento è sabato 24 settembre, dalle ore 16 alle 18.
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio – manifestazione promossa dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea con l’obiettivo di far apprezzare e conoscere il meraviglioso patrimonio culturale del nostro Paese e incoraggiare la partecipazione attiva per la sua salvaguardia – l’Università Cattolica del Sacro Cuore e la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Cremona, Lodi e Mantova propongono Un nuovo sguardo sulla villa tardoantico di Palazzo Pignano.

Visite guidate ai recenti scavi

Sabato 24 settembre, quindi, visite guidate ai recenti scavi. Come noto, le indagini archeologiche sono portate avanti dal dipartimento di Storia, Archeologia e Storia dell’Arte dell’Università Cattolica sotto la direzione del prof. Furio Sacchi (ospite giovedì 29 settembre alle ore 18 a Palazzo Pignano, presso la sala consiliare, per l’incontro Palazzo Pignano 2016-2022: un bilancio di sette anni di scavi e ricerche, iniziativa inserita nel ciclo di conferenze dal titolo Ripartire tra Adda e Oglio. Prospettive per l’archeologia cremonese).
Le visite guidate sono a cura di Davide Gorla, archeologo responsabile degli scavi per l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e dei funzionari della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Cremona, Lodi e Mantova.