Memoria in Corto Film Festival. La quarta edizione si avvia alla conclusione

centro ricerca alfredo galmozzi
Da sinistra: Francesco Pavesi, Gabriel Pavesi, Nino Antonaccio, Giorgio Cardile e Michele Mariani

La quarta edizione di Memoria in Corto Film Festival, concorso cinematografico per giovani registi e film-maker e rassegna di docu-film indipendenti a tema storico e di conservazioni della memoria dei territori, si avvia alla conclusione. La fase finale dell’iniziativa istituita dal Centro Ricerca Alfredo Galmozzi è stata presentata nella tarda mattinata odierna presso la galleria del palazzo comunale. Sono intervenuti Nino Antonaccio (presidente Centro Ricerca Alfredo Galmozzi), Gabriel Pavesi, Francesco Pavesi (Consulta Giovani Crema) e Giorgio Cardile (assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili).

Due eventi conclusivi

“Dopo le anteprime speciali dello scorso ottobre, che hanno visto grande partecipazione di pubblico e due notevoli ospiti che hanno presentato in anteprima i loro film, ossia Il Vespista e L’urlo, quest’autunno vedrà la fase finale del Festival con due eventi conclusivi al Cinema Portanova di Crema” ha annunciato G. Pavesi.
Il primo appuntamento è in programma giovedì 29 settembre alle ore 20.45 con la proiezione del film Il mondo degli ultimi di Gian Butturini. “Si tratta di un film molto importante – ha proseguito -. Parla delle lotte contadine lombarde del Dopoguerra. Una storia ambientata al confine tra Cremona e Brescia”. Il produttore Attilio Bulla interverrà e dialogherà con Vittorio Dornetti.
Il secondo e ultimo appuntamento, invece, è giovedì 6 ottobre alle ore 21 con la visione e la premiazione dei cortometraggi in concorso. “A condurre sarà niente meno che l’assessore Cardile, già in queste vesti nel 2020” ha anticipato Antonaccio.

Premiazioni

“I cortometraggi hanno declinato in maniere differenti i temi Storia del territorio e Natura matrigna e solidarietà” ha commentato G. Pavesi.
Quattro i film in concorso nella categoria Film-maker e sei nella categoria Scuole.
La giuria – composta da Nino Antonaccio (presidente), Chiara Marazzi, Annamaria Datena, Francesco Pavesi, Carmine Caletti, Vittorio Dornetti, Denise Faciocchi (Amenic Cinema) e Michele Mariani – assegnerà i seguenti riconoscimenti: Miglior Cortometraggio MiC 2022, categoria Scuole; Miglior Cortometraggio MiC 2022, categoria Film-maker; premio Nino Chirco alla miglior regia e premio Angela Maccalli, menzione speciale sul tema della Memoria.

Attraverso il docu-film

Francesco Pavesi invita tutti ai due eventi conclusivi del Festival, in particolare alla serata di premiazione. “E’ molto interessante vedere come il tema dell’edizione sia stato affrontato, come i più giovani abbiano sentito l’argomento Covid” ha dichiarato dopo aver ringraziato per il ruolo assegnatoli, quello di giudice.
Grato al Centro Ricerca Alfredo Galmozzi per le loro iniziative è l’assessore Cardile. “Il docu-film rappresenta uno dei linguaggi artistici con cui si può raccontare da prospettive differenti, coinvolgendo i giovani e aprendosi oltre alla città – ha commentato -. La memoria è il tema centrale per legarsi con il nostro passato e proiettarsi al futuro”.

Voce ai giovani

Le serate finali della quarta edizione di Memoria in Corto Film Festival sono organizzate dal Centro Ricerca Alfredo Galmozzi, con Amenic Cinema e la Consulta Giovani Crema, in collaborazione con Cultura Crema e con il patrocinio della Regione Lombardia.
“Le serate saranno a ingresso gratuito. Vi aspettiamo al Cinema Multisala Portanova con la voglia e l’impegno di scoprire la bellezza e la passione per il cinema delle nuove generazioni” ha concluso Antonaccio. Spazio ai giovani, al loro talento, alla loro creatività.