Ischia. L’isola che è un vulcano/2

L'isola d'Ischia che è un vulcano
Panoramica del Parco Castiglioni a Casamicciola

Qual è dunque la particolarità di Ischia, l’isola più bella del mondo? È di essere un’isola vulcanica nel cui sottosuolo ribollonno fuoco e acqua. Acqua che fuoriesce bollente in ogni parte. Un’acqua termale ricca di  proprietà curative che ne fanno una ricchezza straordinaria.

Nel corso della sua evoluzione geologica, e anche in tempi storici, l’isola è stata devastata da numerose eruzioni che la rendevano di certo un luogo poco ospitale. Oggi tutto questo è superato e “controllato”. Niente paura dunque. L’ultima drammatica eruzione è avvenuta nel 1302. La forza vulcanica genera ogni tanto qualche terremoto, ma costituisce la ricchezza più straordinaria dell’isola.
La leggenda narra, fin dai tempi dei Romani, che sotto Ischia ci sia il gigante Tifeo, figura mitologica che reggerebbe sulle sue spalle l’isola. Le acque termali sarebbero le lacrime di Tifeo dovute alla fatica di reggere tale peso, mentre le fumarole sarebbero il respiro del gigante.

Dicevamo che l’acqua termale fuoriesce dappertutto con soffioni e fumarole: ad esempio nella celebre spiaggia dei Maronti, dove verso Sant’Angelo vi è una zona recintata con relativi avvisi perché fuoriesce acqua bollente!!

Per questo motivo ogni hotel che si rispetti ha vasche per le cure termali ed esistono sull’isola numerosi parchi termali, grandi centri collocati per lo più in splendidi parchi con fiori di ogni genere, dove sono presenti numerosissime vasche termali, da quella “olimpionica” con acqua marina e non termale, e tante altre di acqua appunto termale con diverse gradazioni: da 20 gradi a 40. L’ospite (che ha pagato un relativo biglietto d’ingresso) può liberamente bagnarsi dovunque e realizzare le proprie cure. Si trovano anche vasche dove si passa da un’acqua molto calda a un’acqua fredda, secondo un metodo già praticato dagli antichi romani (che peraltro hanno scoperto e valorizzato, fin ai loro tempi queste terme ischitane). Zone termali che sono vietate ai bambini fino ai 12 anni.

Le cure termali sono validissime per combattere tanti disturbi fisici grazie ai bagni vapore, ai massaggi, alla fangoterapia, ai trattamenti con oli aromatici.
Le acque termali di Ischia sono una vera e propria risorsa per curare varie affezioni come malattie respiratorie, reumatismi, e dermatiti. Insomma tutta l’isola è un immenso giardino di benessere naturale.

L’acqua termale ischitana è alcalina e contiene zolfo, iodio, cloro, ferro, elementi potassici. Sono raccomandate per la loro azione su: l’apparato locomotore (regolazione del tono muscolare, azione antinfiammatoria e analgesica), l’apparato cutaneo (azione antinfiammatoria, astringente, antibatterica, detergente e tonificante), l’apparato cardiovascolare (azione vasodilatatrice e rilassante), le vie respiratorie e l’apparato genitale femminile.

I PARCHI TERMALI DELL’ISOLA D’ISCHIA

Numerosi sono i parchi termali sparsi nell’intera isola.

A sud dell’isola si trovano le più antiche terme di Cavascura, un bacino termale scavato nella roccia, fin dai tempi dei Romani, a pochi metri dalla spiaggia più famosa di Ischia, i Maronti.

Sempre a sud in zona Sant’Angelo troviamo il parco termale Tropical è situato all’ingresso del Borgo, il celebre Aphrodite-Apollon Thermal Park, angolo di vero paradiso e benessere e il Parco Termale Romantica.

Risalendo a ovest, troviamo I Giardini di Poseidon, situati nella baia di Citara a Forio, sono il centro più grande dell’isola: conta 22 piscine termali curative, a diverse temperature.

Le terme di Negombo si trovano all’interno della baia di San Montano a Lacco Ameno, una delle zone più ricche di bacini e pozzi termali. La loro particolarità sta nel giardino. Vi si possono ammirare piante tipiche del Mediterraneo ma anche altre provenienti da Giappone, Australia, Brasile e dal continente africano

Il parco termale di Castiglione, nel Comune di Casamicciola, a nord dell’isola, è considerato uno dei parchi termali più antichi. È raggiungibile con una funicolare che permette di ammirare uno splendido panoramica sull’isola di Procida e la costa flegrea. Confina con lui il parco O’Vagnitiello.

Ancora  sud dell’isola, ma posta a mezza costa, c’è poi la fonte delle ninfe Nitrodi a Barano. Era considerata, fin dall’antichità, come luogo sacro posto sotto la protezione di Apollo e appunto delle Ninfe Nitrodi, tanto l’acqua era curativa e miracolosa, soprattutto per le malattie della pelle. Oggi le proprietà terapeutiche di quest’acqua sono certificate dal decreto del Ministero della Salute 3.509 del 9 ottobre 2003.

Ischia è quindi il luogo ideale per una vacanza di relax e di salute!