Crema. Maltrattamenti in famiglia, 42enne in carcere

Maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e violenza sessuale. Di questo, tra il 2019 e il 2020 si è macchiato un 42enne straniero con precedenti a carico arrestato ieri dai carabinieri in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona. L’uomo, destinatario del provvedimento definitivo, dovrà scontare una condanna a 6 anni e 8 mesi di reclusione. I militari lo hanno rintracciato a Crema e gli hanno notificato il decreto, accompagnandolo al carcere di Lodi.

Maltrattamenti e percosse reiterati

“La condanna – spiegano dal Comando Provinciale dell’Arma – è conseguenza di una serie di denunce della moglie  che nel settembre 2019 aveva riferito ai militari di essere stata percossa e minacciata dal marito che in quella circostanza l’aveva anche costretta ad avere un rapporto sessuale contro la sua volontà. Nel giugno 2020 invece la donna si era presentata al pronto soccorso di Cremona con evidenti lesioni su diverse parti del corpo e aveva poi confermato in una denuncia di avere subito un violento pestaggio dal marito. Per questo motivo l’uomo era stato poi arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e successivamente posto agli arresti domiciliari”.

Dai domiciliari al carcere

Dopo qualche mese gli erano state applicate le misure del divieto di avvicinamento alla parte offesa, con obbligo di allontanarsi in caso di incontro fortuito e di non comunicare con la donna per nessun motivo. Oltre a questo  all’uomo era stato notificato l’obbligo di dimora nel comune di Crema per impedire che potesse recarsi nel Comune dove la donna aveva trovato riparo. A distanza di due anni dagli ultimi episodi è intervenuto il provvedimento definitivo del Tribunale di Cremona e il conseguente ordine di immediata carcerazione. Per questo motivo il 42enne è finito in carcere per scontare la pena.