Rigenerazione Urbana: dalla Regione altri 500.000 euro per l’ex Olivetti

Il Comune di Crema ha meritato il finanziamento di 500.000 euro richiesto nell’ambito del bando di Regione Lombardia “Interventi finalizzati all’avvio di processi di rigenerazione urbana” con il progetto di riqualificazione sull’ex Olivetti che prevede ulteriori interventi, oltre a quelli presentati e già ottenuti nel Bando Cariplo.
Una riqualificazione funzionale del sito universitario, attualmente in parte in disuso e in parte utilizzato per corsi professionalizzanti, attraverso interventi mirati di adeguamento strutturale e impiantistico. Grazie a queste risorse si finanzieranno interventi su scale e ascensori per l’eliminazione barriere architettoniche, che si integrano con la prevenzione dei rischi naturali, tra cui il rischio idrogeologico e sismico, la riqualificazione energetica e acustica. Interventi concentrati sempre nell’edificio A, lo stesso sul quale sono convogliati anche gli interventi finanziati dagli Emblematici Cariplo.

Area nordest sempre più protagonista

Il valore aggiunto della candidatura di Crema che le ha fatto guadagnare 69 punti e il finanziamento da parte di Regione Lombardia è la perfetta integrazione e sintonia delle finalità del bando regionale con i processi di rigenerazione già attivati e che riguardano tutta l’area nord-est della città (recentemente premiata anche da un altro finanziamento di Rigenerazione, quello nazionale, del valore di 4,9 milioni di euro), e cioè la riqualificazione della Stazione ferroviaria, il superamento della barriera ferroviaria con la costruzione del sottopasso, il nodo di interscambio, gli Ambiti di Trasformazione e le aree verdi, con il parco lineare che riconnetta il Parco del Moso con il Parco del Serio, e naturalmente e più specificatamente la valorizzazione dell’area ex Olivetti di via Bramante come luogo formativo avanzato.

Cogliere tutte le occasioni

Questi 500.000 euro, oltre a rappresentare un giudizio lusinghiero per il lavoro degli uffici comunali, che ringrazio, vanno a costituire una forza in più alla strategia di rigenerazione sull’area nord-est”, commenta l’assessore alla Pianificazione territoriale, Cinzia Fontana. ”Il nostro obiettivo è sempre stato quello di cogliere tutte le occasioni di ogni livello che potessero dare impulso al recupero e alla riqualificazione del patrimonio pubblico e che contemporaneamente possano essere da volano economico”.
Soldi che si aggiungono
“si aggiungono ai 3 milioni (uno dalla Fondazione Cariplo e due dal Bando Nazionale Rigenerazione Urbana), al netto delle risorse locali messe in campo, per la riqualifica e il rilancio del plesso di via Bramante, che proprio ieri il Tavolo Provinciale della Competitività ha investito dell’ambizioso e importante ruolo di sede dell’alta formazione e della formazione specialistica di tutta la provincia, con il prossimo insediamento dell’Its ‘Nuove Tecnologie per il made in Italy’. Dunque una notizia, queste ulteriori risorse, che incoraggia ulteriormente la riconversione del polo Cremasco verso l’alta formazione, a beneficio dell’intera provincia di Cremona”.