Il sabato del museo. Si riparte il 5 febbraio con l’incontro “Fai”

Sabato 5 febbraio 2022 (ore 16:30, sala Cremonesi del Museo di Crema e del Cremasco, rassegna “Il Sabato del Museo 2022”) la Delegazione FAI di Crema proporrà un incontro, a cura di Valerio Ferrari, intitolato “Fiumi, navigli, rogge e canali: itinerari di conoscenza dell’idrografia superficiale della provincia di Cremona”.

Nell’ambito della pianura lombarda, solcata da un infinità di fiumi e di rii minori – una vera Mesopotamia nostrana – il territorio della provincia di Cremona offre un eccellente esempio di come l’uomo padano abbia saputo gestire lungo i secoli un patrimonio idrico di speciale ricchezza. Un reticolo idrografico efficiente e diffuso in ogni parte del territorio, che si può considerare già definito e consolidato nelle sue linee fondamentali sin dal Medioevo, è stato organizzato con tenacia, avvedutezza e competenza.
Di queste specificità si intende trattare nell’incontro promosso dalla Delegazione FAI di Crema, per scoprire i vari aspetti che una “terra d’acque”, come è la nostra, propone a chiunque voglia addentrarsi nella sua comprensione più dettagliata, alla quale corrisponde una secolare azione di controllo e di governo del territorio da parte di generazioni di persone: dai governanti, ai progettisti, dalle famiglie monastiche a quelle imprenditoriali dei secoli passati, dai consorzi irrigui e di bonifica ai singoli proprietari terrieri. Ciascuno di essi ha contribuito alla costruzione di un monumento liquido di fondamentale valore ambientale ed economico, ma pure di singolare interesse che vale la pena conoscere.