EX COLONIA FINALPIA – Hotel del Golfo venduto? Da Finale solo voci? (galleria fotografica)

Ex colonia marina climatica cremasca di Finalpia venduta? A sentire alcune testimonianze raccolte nei giorni scorsi a Finale Ligure parrebbe di sì. Queste alcune delle voci che abbiamo ascoltato sul posto durante un nostro sopralluogo. A suffragare la notizia anche alcuni albergatori locali. Ma si tratta per il momento solo di voci.
Infatti l’Hotel del Golfo (struttura a 4 stelle oggi chiusa per i noti problemi) ufficialmente è stato messo in vendita a dieci milioni di euro e la gara, conclusasi il 31 maggio, sarebbe andata deserta. Anche qui il condizionale è d’obbligo, vista l’assenza di comunicazioni da parte della Fondazione Finalpia e del suo presidente Pierpaolo Soffientini.
Se al momento non hanno diramato nulla sull’esito della procedura, è trapelato che l’unica busta presentata è stata ritenuta non conforme alle condizioni del bando. Insomma, l’ex colonia non sarebbe stata acquistata da nessuno. Eppure per qualcuno – a Finale – ci sarebbe già l’accordo con una catena alberghiera e non per la gestione dell’hotel, ma per l’acquisto. Staremo a vedere.

IL SOPRALLUOGO

Nel frattempo, la nostra visita ci ha permesso di avanzare alcune considerazioni e constatare lo stato dell’immobile: versa in buone condizioni, almeno dall’esterno. Anzi, alcuni scuri delle porte finestre del piano terra aperti, da lontano, ci hanno persino provocato una certa emozione. Salendo nei pressi della struttura si notano il parcheggio chiuso con una rete in plastica arancione e il sottopasso per la spiaggia sbarrato, con l’inevitabile crescita spontanea di erba e piante.
La spiaggia di fronte all’hotel, a oggi, è libera e molto sfruttata dai turisti. Singolare trovarci un ascensore in attesa di essere installato (!?) e una piccola porzione di sabbia chiusa con fettuccia arancione in prossimità dell’uscita del tunnel sotto l’Aurelia. L’ex colonia – per cui Comune e Fondazione concordano per la vendita per destinarne i proventi a progetti sociosanitari in città – domina maestosa questa parta di promontorio a metà strada tra Varigotti e le spiagge di Finalpia (la prima che s’incontra è la bellissima capo San Donato).
Ma torniamo a noi. Un turista piemontese ci chiede notizie sul complesso e compreso di cosa si tratti commenta: “L’immobile è bellissimo, sono sorpreso dall’ottimo stato di conservazione  nonostante l’evidente chiusura. Credo non sia facile da gestire ora che è un albergo a 4 stelle. Non biasimo che Crema abbia in mente di venderlo”. Di diverso avviso alcuni cremaschi incontrati sul posto, molto affezionati alla struttura e a questi luoghi. Sembra loro incredibile non riuscire a gestire un albergo come questo, “dal grande potenziale”. Cui i cremaschi sono profondamente legati “oggi come in passato”.
Ricordiamo, tra le posizioni assunte a livello cittadino, quella di Simone Beretta (FI), che ha più volte proposto la fusione per incorporazione con Fbc, chiedendo a gran voce di non svendere l’hotel e di rinunciare alla cessione. Ma per qualcuno a Finale l’hotel sarebbe già stato ceduto. Mistero. Non fosse vero, senza offerte d’acquisto nella prima gara, quali i prossimi passi del Cda della Fondazione Finalpia? Abbassare il prezzo? Riprovare dando in gestione l’hotel? Oppure tutto è davvero già risolto? Il silenzio piombato sulla questione alimenta molti quesiti e incertezza.