CENTRO ALFREDO GALMOZZI – Tempo di bilancio, tra progetti in essere e quelli futuri

Memoria in corto
Foto di repertorio (presentazione Memoria in corto 2018)
Giovedì 10 giugno, alle ore 18, si svolgerà l’assemblea ordinaria dei soci del Centro Galmozzi per presentare e approvare l’attività del centro e i bilanci. L’incontro si terrà “a distanza”, cioè con un meeting tramite link che sarà inviato via mail poco prima. Tuttavia,
martedì 8 giugno (ore 10-12, 16-18) la sede del Centro (piazza Premoli, 4) accoglierà i soci che volessero votare in presenza, rispettando le norme antiCovid, in quanto non disponibili a partecipare nell’assemblea telematica del 10 giugno. In questa occasione, per chi non l’avesse già fatto, sarà possibile rinnovare in presenza la propria adesione al Centro Galmozzi.

Progetti in essere e quelli futuri

Le modalità per il tesseramento 2021 si possono conoscere anche sul sito www.centrogalmozzi.it nel link “Iscrizione al Centro Galmozzi”. Si tratta di un appuntamento sempre molto importante per la vita dell’organizzazione di volontariato (quale è recentemente diventato il Galmozzi, in seguito alla riforma del Terzo Settore), dove poter incontrare i vecchi e nuovi soci e confrontarsi con loro sui progetti in essere e quelli futuri. In sintesi, i più importanti, escludendo le consuete attività di raccolta, archiviazione e catalogazione sono i seguenti: l’evoluzione dell’impegnativo progetto
Memoria 4.0 dedicato alla digitalizzazione dei materiali cartacei del Centro (già utilizzabile sul sito dell’ente) attraverso una nuova iniziativa progettuale che abbia una piegatura verso gli utenti fragili.

Fare memoria 

Nel merito il Galmozzi parteciperà a un bando della Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona, intitolato Nuovi percorsi della Memoria, che sviluppa l’Archivio Digitale nella formazione per studenti dello Sraffa e nella parte laboratoriale per utenti dell’Anffas. Altra iniziativa in calendario lo sviluppo del progetto #FareMemoriaCrema sui vissuti dell’emergenza Covid; verranno realizzati una serie di cortometraggi registrati da privati durante la primavera del 2020 (ne sono stati confezionati venti, già presenti in un’apposita playlist nel canale YouTube del Centro), una serie di cortometraggi che vertono sulle parole chiave della pandemia girati da un videomaker (sono state caricate due puntate sul canale), un cortometraggio che sviluppa interviste agli studenti durante il lockdown (è stato diffuso un teaser intitolato “il superfluo”), e un lavoro redazionale sulle diverse emergenze del 2020, l’anno più difficile per la comunità.

Progetti non solitari, ma in collaborazione

E ancora il Centro partecipa a bandi pubblici che possano essere inerenti alla sua mission; a inizio 2021 ne è stato presentato uno alla Tavola Valdese, intitolato Educare naturalmente, che vede l’adesione delle scuole di Romanengo e Offanengo, del Comune di Romanengo e dell’Ecomuseo, contestualizzato nel Pianalto di Romanengo come luogo di conoscenza ed espressività.
Altre progettualità concernono la pubblicazione del volume sulla storia dell’ex Asilo Montessori, a conclusione di un articolato lavoro di ricerca ed elaborazione dei testi; la collaborazione con enti. Recentemente, ad esempio, il Museo di Crema ha chiesto al Centro un confronto sulle procedure per l’archiviazione digitale delle fotografie in un webinar nell’ambito del progetto Winifred.
E ancora si è consolidata la collaborazione per le iniziative per il XXV Aprile. Nel merito, ad aprile 2021 il Centro Galmozzi ha partecipato al cortometraggio Anita, la ragazza partigiana del Comitato di promozione dei principi della Costituzione, dedicato ad Enrica Gandolfi.
Infine il Galmozzi è impegnato nell’organizzazione della quarta edizione del festival Memoria in Corto con due temi a concorso: Una storia del territorio e Natura matrigna e solidarietà (il virus inatteso, il futuro condiviso). L’evento sarà biennale e avrà due momenti: in ottobre 2021 e in maggio 2022. Saranno presentati film di registi nazionali, oltre chiaramente alla premiazione dei corti concorrenti.