Rivolta d’Adda – Ospedale, quale futuro?

Rivolta d'Adda

“In questi giorni si è tornati a parlare di situazioni esistenti all’interno dell’ospedale Santa Marta che mettono in discussione il suo futuro e penso sia nostro compito, come cittadini, fare di tutto per rilanciare e sostenere una struttura che da sempre è stata al servizio del nostro paese e del territorio circostante”. Giuseppe Strepparola, come operatore del Terzo Settore di Rivolta, non nasconde le sue preoccupazioni in merito alla questione, “perché è importante. Il Santa Marta per noi rivoltani ha sempre avuto un solo nome, l’ospedale, come se tutte le altre strutture sanitarie, pur importanti, presenti nei territori vicini non esistessero. Personalmente, al di là delle varie proposte illustrate sul futuro del Santa Marta, non posso che manifestare la mia personale preoccupazione per il domani di questa realtà, dal momento che sembra si prevedano interventi finalizzati alla privatizzazione della stessa, come è accaduto in altre strutture lombarde”.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo di sabato 22 maggio 2021