Le lucerne del Museo – Oggi sarà inaugurata virtualmente la mostra, visitabile sui canali del Museo Civico

Museo Civico di Crema e del Cremasco

Antiche luci. Le lucerne del Museo Civico di Crema e del Cremasco è il titolo della nuova proposta culturale online che prende il via da oggi, martedì 20 aprile per proseguire fino al 27 giugno: la pinacoteca del Museo Civico di Crema e del Cremasco sarà protagonista di una apertura virtuale oggi alle ore 15,30.
E questo perché la cultura non si ferma, mai!

Sui social del Museo non solo una mostra, ma anche una serie di video approfondimenti

Purtroppo, l’attuale situazione non permette, per ora, una visita in presenza all’esposizione, quindi il Museo Civico di Crema e del Cremasco propone una visita virtuale sul canale YouTube e sulla pagina Facebook del Museo. Il video tour sarà condotto dalla curatrice Michela Martinenghi, che guiderà il pubblico alla scoperta della mostra.
Inoltre, in attesa di poter aprire le porte del museo, una serie di video approfondimenti verranno pubblicati sui profili social del Museo la domenica pomeriggio alle ore 18: i primi appuntamenti sono previsti il 25 aprile, il 9 e il 23 maggio. L’esposizione rappresenta la conclusione di un approfondito percorso di studio e ricerca, iniziato nel 2018, che ha interessato le lucerne antiche presenti nelle collezioni del Museo Civico di Crema e del Cremasco, accompagnato dalla pubblicazione dell’indagine curata da Michela Martinenghi con una introduzione a cura della Soprintendenza Archeologica firmata dal funzionario archeologo Nicoletta Cecchini.

In esposizione una selezione delle più significative lucerne

I reperti esposti sono una selezione delle più significative lucerne operata nell’ambito delle collezioni archeologiche e appartengono a diverse tipologie di lucerne, sia tipiche dell’Italia settentrionale che di altre parti della penisola, e coprono un arco cronologico molto ampio che va dalla fine del VI sec. a.C. al VI sec. d.C., dodici secoli nei quali le forme si sono adeguate ai gusti delle diverse epoche, ma la funzione è rimasta la stessa.
Si va dalle lucerne di origine greca (nell’immagine) al nucleo più cospicuo del tardo periodo repubblicano (metà I a.C.) e la prima metà del II sec. d.C., sino agli esiti della tarda antichità. La mostra propone un excursus cronologico che va ad analizzare gli esiti formali e figurativi che hanno interessato questo particolare instrumentum domesticum, ponendo da un lato l’accento su quelle lucerne già esposte nell’attuale percorso museale e dall’altro offrendo l’occasione per mostrare al pubblico quegli esemplari sino a ora rimasti confinati nei depositi del Museo.
Il catalogo è edito da Museo Civico Crema e in vendita nelle librerie della città da oggi, 20 aprile.