Economia Circolare – 3,6mln di euro dalla Regione per i progetti di piccole e medie imprese

Regione Lombardia

Anche per il 2021 Regione Lombardia vuole sostenere l’economia circolare. Per questo, su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico Guido Guidesi e di concerto con l’assessore Raffaelle Cattaneo (Ambiente e Clima), la Giunta ha approvato i criteri del ‘Bando di sostegno alle MPMI per l’innovazione delle filiere di Economia Circolare in Lombardia – Edizione 2021’ che verrà attuato da Unioncamere Lombardia. Il bando mette a disposizione 3.621.000 euro e il testo verrà pubblicato entro il mese di aprile.
Il bando è finalizzato a promuovere e riqualificare le filiere lombarde, la loro innovazione e il riposizionamento competitivo di interi comparti rispetto ai mercati, in ottica di economia circolare. Vi possono partecipare le Micro Piccole e Medie imprese aventi sede operativa in Lombardia, in forma singola o in aggregazione composta da almeno 3 imprese rappresentanti la filiera produttiva.

“Si tratta di una misura fortemente richiesta dalle imprese lombarde – ha detto Guidesi – infatti negli incontri avuti con gli imprenditori uno dei temi principali su cui c’è sempre stato grande consenso è proprio sull’economia circolare e questo soprattutto per i riflessi positivi che ha sull’indotto. È altresì utile valorizzare le filiere ed è anche questo uno dei fattori caratterizzanti della misura”.
“Attraverso questo bando – ha proseguito Cattaneo – vogliamo sostenere le imprese che adottano soluzioni alternative e creative di produzione, come il recupero dei materiali e il riuso dei beni. La sostenibilità rappresenta infatti il nuovo nome dello sviluppo, in particolate in questo momento di crisi”.

I progetti dovranno essere realizzati entro 12 mesi dall’approvazione della graduatoria. Il termine di rendicontazione scadrà nel 2022.
L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese sostenute, per un investimento minimo di 40.000 euro e un contributo massimo concedibile di 120.000 euro.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo in edicola