Casale Cremasco/Vidolasco – Ecco la ‘Casa della Salute’

La ‘Casa della Salute’ di Casale Cremasco/Vidolasco prende forma e in anteprima siamo riusciti ad avere dal sindaco il progetto di massima della struttura, che l’amministrazione comunale guidata da Antonio Grassi conta di realizzare entro due anni, due anni e mezzo al massimo. “La ‘Casa della Salute’ è uno dei nostri obiettivi – commenta il primo cittadino –. Alcune settimane fa il Consiglio comunale ha deliberato di affidare l’incarico all’architetto Ferrari, che abbiamo visto per un primo confronto e uno scambio d’idee su come impostare il progetto”. Il cammino è tracciato.
La ‘Casa della Salute’ avrà quattro ambulatori, una reception, due servizi, per pubblico e medici (con antibagno) e un’enorme sala d’attesa, ampia addirittura 151 metri quadrati. L’ambulatorio 1 sarà destinato ai prelievi (con spogliatoio) e non manca un vano tecnico per i rifiuti speciali. “Lo scopo è costruire un edificio che ospiti due ambulatori per i medici di base, uno appunto per un eventuale servizio di assistenza infermieristica-prelievi, un altro per visite specialistiche (da convenzionare) e locali dedicati ai Servizi sociali secondo il principio di un’assistenza socio-sanitaria globale. La tipologia della costruzione, con anche due portici, sarà legata al contesto dove sorgerà: il Comune vuole realizzarla in un’area già di sua proprietà in via Crocettina, collocazione per cui ha studiato anche la viabilità. Progettista è il citato Ferrari già ideatore, ad esempio, della passerella lungo il Serio a Crema. La costruzione – evidenzia ancora il sindaco – sarà modulare così da poter essere riconvertita in caso di necessità e autosufficiente dal punto di vista energetico e predisposta per essere adeguata ai tempi del digitale”.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo in edicola