Padre Mizzotti ritorna in Perù. Il saluto questa mattina in cattedrale

Da sinistra a destra, padre Mizzotti, il vescovo Daniele, don Paolo e padre Gigi

Questa mattina, alla Messa per le Vocazioni celebrata in cattedrale alle ore 8.00, tre erano i missionari presenti: don Gigi Maccalli, don Paolo Rocca (a Crema per un periodo di vacanza) e don Giuseppe Mizzotti, che ha salutato la comunità cremasca prima di ritornare (giovedì, dopo un lungo periodo di forzato riposo a Crema per via della pandemia) in Perù, alla sua missione, una parrocchia di Lima di 45.000 persone, in grande povertà.

Il missionario cremasco ha commentato le letture dell’Eucarestia, la prima dalla lettera di san Paolo in cui l’apostolo cita le discordie della comunità, divisa persino nello spezzare il pane: mentre i ricchi si riempiono lo stomaco, i poveri stanno a bocca asciutta. “Quando la solidarietà è compromessa, si snatura la stessa Eucarestia”, ha commentato.
Poi il Vangelo della moltiplicazione del pani, quando i discepoli dicono a Gesù di mandare a casa tutti perché possano andare a cercare qualcosa da mangiare. Insomma, chiedono che ciascuno si arrangi. Ma Gesù dice: “Quanti pani avete? Mettete a disposizione quanto possedete”. Lo fa un bambino portando sette pani e un pesciolino. Per Gesù è il punto di partenza, il cambio di prospettiva, la conversione del cuore: a seguito della disponibilità di questo bambino, fa il miracolo della moltiplicazione della solidarietà.
“Per celebrare l’Eucarestia – questo il commento di padre Mizzotti – non basta assistere alla frazione del pane, ma bisogna entrare in comunione con Cristo, con la Chiesa e con i poveri. Se non si condivide il pane non si può vivere la cena del Signore. Non possiamo comunicare con Cristo senza comunicare con i fratelli della sofferenza. L’Eucarestia ci aiuta a vivere la crisi senza perdere la speranza.”
Al termine della Messa il vescovo Daniele ha salutato padre Giuseppe ringraziando tutti della loro presenza e auspicando che presto si possa tornare a celebrare la Messa mensile per le vocazioni nel santuario della Pallavicina.

Intervista a p. Mizzotti sabato su Il Nuovo Torrazzo