Agnadello – Nel Cremasco per commettere furti, tre stranieri deferiti dopo inseguimento

Al termine di un lungo inseguimento i Carabinieri hanno fermato e deferito una gang di stranieri giunta nel territorio verosimilmente per compiere razzie. Il tutto si è verificato ieri, mercoledì 10 febbraio, nella campagna cremasca al confine con Bergamasco e Milanese.

Intorno a mezzogiorno i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Crema hanno intimato l’alt a una vettura, una Volvo S60, in transito per Agnadello. “Il giovane alla guida, che trasportava altre due persone – spiegano dalla sala stampa del Comando Provinciale dell’Arma – ha accelerato repentinamente ed è fuggito in direzione di Milano, mettendo in pericolo gli altri utenti della strada percorrendo ad alta velocità lunghi tratti di strada. Allertati di quanto stava accadendo, all’equipaggio del pronto intervento cremasco che aveva intercettato la vettura, si sono aggiunti altri reparti dell’Arma, nel tentativo di fermare la folle corsa che nel frattempo è proseguita lungo le vie di Cassano d’Adda, dove la vettura è stata bloccata”.

I Carabinieri hanno identificato gli occupanti, tre giovani di origine sudamericana: un 20enne, nato in Paraguay, residente in provincia di Monza; un 21enne, nato a Cuba, clandestino sul territorio nazionale, pregiudicato domiciliato a Milano e già colpito da ordine di espulsione; un 21enne, nato in Argentina, residente a Milano, pregiudicato. “Accertato che il conducente era sprovvisto di patente di guida perché mai conseguita, che l’autovettura non era coperta da assicurazione obbligatoria, i militari hanno eseguito una perquisizione veicolare rinvenendo cacciaviti, torce elettriche e vario materiale atto allo scasso”. Il tutto è stato posto sotto sequestro e i tre sono stati denunciati.