Spino d’Adda – Forno Crematorio, dietro front dell’amministrazione comunale: “Qui non si farà!”

Il Comune di Spino d'Adda

Il sindaco di Spino d’Adda Luigi Poli e il suo gruppo fanno ‘dietro front’ sulla questione forno crematorio. Il primo cittadino, ravvisando come non vi siano i tempi per una consultazione referendaria, ha deciso di portare in Consiglio comunale la revoca della manifestazione d’interesse inoltrata a Regione Lombardia. La candidatura a ospitare il tempio era subordinata all’ascolto della voce dei cittadini. “Non essendovi le condizioni, causa emergenza pandemica, di indire in tempo utile una consultazione referendaria – precisa Poli – e ritenenedo indispensabile avere l’assenso della maggioranza degli spinesi per procedere, crediamo opportuna la revoca dell’istanza di manifestazione d’interesse”.

Il primo cittadino porterà la proposta di delibera nel prossimo Consiglio comunale. Nel comunicarlo esprime amarezza per come, a suo dire, vi siano stati cambi di rotta da parte di alcuni esponenti politici del territorio e non vi sia stata una corretta informazione.