DUE RUOTE SOLIDALI – Bel service di Rotaract Terre Cremasche, Rotary Crema e Rotary San Marco per l’Ergoterapeutica

ergoterapeutica
L'Ergoterapeutica di via S. Pellico

Due ruote solidali è il nome del nuovo service proposto da Rotaract Terre Cremasche, Rotary Crema e Rotary Cremasco San Marco in favore dell’Ergoterapeutica Artigianale Cremasca Onlus, storica società cooperativa che si occupa di lavoro inclusivo.

In un periodo di particolare difficoltà dovute alle restrizioni anti-covid in vigore, i Club rotariani si pongono l’obiettivo di sostenere l’Ergoterapeutica, in particolare con un progetto rivolto al laboratorio della “Ciclofficina” in essa sviluppato. Il service consiste nella raccolta di biciclette usate e attualmente inutilizzate da donare a titolo gratuito all’Ergoterapeutica. Nella sede di via Silvio Pellico 2 in città (zona piscina comunale), le biciclette saranno riparate grazie al lavoro dei collaboratori affetti da disabilità, così da sostenere il lavoro della Onlus. I costi sono interamente sostenuti da Rotaract e Rotary. Le biciclette rimesse a nuovo saranno donate a persone in situazione di fragilità individuate attraverso un raccordo con il servizio sociale comunale e in collaborazione con le reti di prossimità presenti sul territorio. L’appello, quindi, è rivolto a tutti i cremaschi: “Dona anche tu la tua bicicletta inutilizzata all’Ergoterapeutica e sostieni con noi questo progetto di solidarietà!”. Si accettano biciclette di ogni genere e misura e si è disponibili a effettuare pure il “ritiro a domicilio”. Per contribuire all’iniziativa si può contattare: allo 0373.201254 direttamente l’Ergoterapeutica (orari: da lunedì a giovedì 8.30-12 14-17.30, venerdì 8.30-12; oppure via e-mail: racterrecremasche@gmail.com; Instagram: rotaract_terre_cremasche; Facebook: Rotaract Terre Cremasche Phf.

Ergoterapeutica, bella realtà cremasca

Fortemente voluta nel 1984 da un gruppo di genitori del Patronato assistenza disabili e da amici di ragazzi diversamente abili, la struttura di via Silvio Pellico – come si ricorderà – incominciò nel 1985 l’attività di produzione e vendita di piantine da trapianto, dando lavoro a due soci diversamente abili seguiti da una dipendente normo-dotata. Fu la prima cooperativa sociale d’inserimento lavorativo di persone “svantaggiate”, con handicap fisici e psichici, sorta nel territorio cremasco. Nell’arco di questi anni le persone che hanno intrapreso un percorso lavorativo all’interno della cooperativa sono maturate sul piano umano e professionale, fino a sentirsi idonee ad affrontare con serenità il lavoro e le relazioni. Con il subentrare della crisi economica la vendita di piante e fiori è andata diminuendo, ma i volontari di questa realtà non si sono certo arresi, dando il via al laboratorio di “Ciclofficina”, offrendo un ulteriore spazio di crescita agli utenti.

La pandemia ci ha messo del suo, ma l’Ergoterapeutica non molla e anche grazie a questa collaborazione intende ripatire più forte di prima. Tra l’altro, comprando/donando una bella bici usata, oltre a sostenere l’importante lavoro della cooperativa e il service rotariano, si dimostra di voler bene all’ambiente, favorendo infatti il riciclo e riutilizzo dei beni.