Rivolta d’Adda – Fiera di Sant’Apollonia in tono minore

Nella foto di repertorio un'edizione della fiera

Sant’Apollonia in tono decisamente minore; né potrebbe essere diversamente stante la situazione e i contenuti del Dpcm emanato a metà gennaio ed entrato in vigore nei giorni scorsi. “A causa della specificità dell’evento – spiegano dal Comune – , non è possibile garantire il rispetto delle norme sulla sicurezza sanitaria e sul distanziamento fisico che la situazione pandemica ci impone di osservare. Forzare la mano ci espone al rischio di creare focolai incontrollabili. Non possiamo permetterlo”.

Il sindaco Fabio Calvi sottolinea che “siamo tutti consapevoli che per la prima volta dovremo rinunciare a un evento che ha sempre avuto ricadute importanti per il nostro territorio. Per tutte le realtà economiche e zootecniche rivoltane, per la nostra identità e cultura, abbiamo voluto mantenere confermato l’appuntamento di febbraio con alcune delle iniziative che abitualmente lo animano e che ci permettono di non correre rischi per la salute dei cittadini”. Qualcosa si farà comunque “saranno quindi organizzati i convegni online, le mostre all’aperto, la consegna delle borse di studio e altri eventi che verranno a breve comunicati e pubblicizzati”.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo di sabato 23 gennaio