Spino d’Adda – Dopo Castelleone, altri rapinatori in azione a danno di anziani

Indagini avviate a seguito della rapina messa a segna da finti addetti dell’azienda del gas a Spino d’Adda lunedì. Episodio che riporta alla mente quanto accaduto alcune settimane or sono a Castelleone quando un finto addetto di un’azienda di spedizioni ha suonato alla porta di una coppia di anziani residenti in via Cappi e ha puntato la pistola al volto della donna. Solo la freddezza e la pronta reazione della malcapitata ha fatto sfumare il raid, con il rapinatore che è fuggito.

Nel Villaggio Europa a Spino d’Adda è purtroppo andata diversamente. Ignari del pericolo i due anziani hanno aperto la porta a chi si era presentato come operatore dell’azienda del gas. Una volta in casa i due malviventi avrebbero spruzzato spray urticante in faccia ai malcapitati e mentre uno teneva a bada le vittime dell’azione criminosa l’altro sarebbe riuscito a impossessarsi di gioielli e preziosi. Quindi la fuga.

Ripresisi dalla shock i due pensionati hanno lanciato l’allarme. Sui social la notizia è circolata a più riprese, anche per mettere in guardia altre potenziali vittime dei due lestofanti. I filmati delle telecamere dei circuiti di videosorveglianza pubblici e privati che insistono sulla zona potrebbero fornire elementi utili alle indagini. Nel frattempo la raccomandazione è sempre la stessa: non aprire la porta a sconosciuti e nell’incertezza contattare le aziende delle quali chi suona alla porta comunica il nome o il 112.