Cremosano – La ‘strettoia’ off-limits ai mezzi pesanti. Perrino scrive ai portatori d’interesse

La famigerata 'strettoia' lungo la provinciale Crema-Vailate

Il sindaco di Cremosano Raffaele Perrino e l’amministrazione comunale hanno inviato un’informativa alle aziende operanti sul territorio comunale. Oggetto il transito dei mezzi pesanti in paese, con richiesta alle ditte di eventuali osservazioni. Gli interessati hanno già provveduto a rispondere.
Il Comune di Cremosano, infatti, sta valutando l’opportunità di richiedere l’emissione di nuova ordinanza di divieto di transito ai mezzi pesanti, da intendersi automezzi di massa superiore a 3,5 tonnellate, lungo la strada provinciale numero 2 ‘Crema-Vailate’, arteria che taglia in due il centro abitato (vie Crema e Treviglio). Provvedimento già adottato dal Prefetto di Cremona il 19 dicembre 2019 per la durata di dodici mesi. L’ordinanza, dunque, è scaduta da pochi giorni, lo scorso 20 dicembre. Di qui il nuovo parere e l’indicazione di eventuali osservazioni rivolta alle attività produttive locali.
“La richiesta del nuovo provvedimento è motivata dal perdurare delle pesanti condizioni del traffico e del conseguente pericolo per la pubblica incolumità e per l’inquinamento ambientale, in particolare con riferimento all’incolumità degli abitanti di Cremosano e delle persone che attraversano il centro abitato, segnatamente nel tratto dove la strada provinciale numero 2 è larga non più di 5 metri”, spiega chi è al governo del borgo.
Poiché l’emissione del provvedimento prevede un’attenta considerazione del tipo di impatto che l’ipotizzato divieto di transito avrebbe nei confronti dell’organizzazione della circolazione stradale sul territorio di competenza, nonché sui territori limitrofi, oltre che sulle attività economiche che si svolgono in ambito locale, l’amministrazione comunale Perrino, in ossequio alla circolare n. 62 del Ministero dei Lavori Pubblici del 5 agosto 1993, ha previsto l’audizione oltre che delle aziende, anche delle associazioni di categoria interessate.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo in edicola