PONTE VIA CADORNA – M5S: “Ponte, quale mutuo? Si utilizzi l’avanzo amministrativo”

Crema

“Recentemente in Consiglio comunale l’assessore Fabio Bergamaschi, rispondendo a un’interrogazione del M5S Cremasco relativa al ponte di via Cadorna, ha risposto che il progetto esecutivo, non ancora protocollato, per la messa in sicurezza del ponte di via Cadorna verrà finanziato con risorse certe, stimabili attorno a 870.000 euro, non sbilanciandosi su quale potrebbe essere la fonte a cui attingere queste risorse”. La premessa è proprio dei pentastelalti in un nuovo comunicato sul tema. 

“Sempre nello stesso Consiglio comunale, il sindaco Stefania Bonaldi ha dichiarato candidamente che sarà intenzione della Giunta aprire un mutuo per questo intervento, indebitando quindi la città per i prossimi anni”, aggiungono i grillini. Il M5S Cremasco si dice non contrario a prescindere ad aprire mutui, ma ritiene “profondamente sbagliato pensare al finanziamento dell’intervento strutturale di messa in sicurezza del ponte con un indebitamento, visto che, dopo le ultime variazioni di Bilancio, sono presenti ancora quasi 5 milioni di avanzo di amministrazione disponibili e pronti per essere spesi”. 

L’utilizzo dell’avanzo di amministrazione, per Manuel Draghetti e soci, riflette anche quelle che dovrebbero essere le priorità dell’amministrazione: non voler finanziare un’opera con l’avanzo, ma, anzi, aprendo un mutuo, “non ci sembra essere un atteggiamento per garantire massima priorità a determinati interventi”. Per l’infrastruttura di via Cadorna l’invito dei Cinque Stelle è, dunque, a impiegare una parte degli attuali 4.968.582,43 euro disponibili dell’avanzo amministrativo, “senza far pesare sulle future generazioni e amministrazioni il fardello dei colpevoli ritardi della politica locale di questi decenni”.