METEO – Previsioni rispettate: Crema e Cremasco innevati, mezzi e lame al lavoro

Ancora una volta Crema s’è svegliata sotto la neve. Come ampiamente annunciato dal meteo e anche dal nostro sito ieri sera, sulla Lombardia era prevista una perturbazione intensa. Nel corso della notte/prime ore della mattina l’intensificazione delle precipitazioni, in particolare su Appennino, pianura occidentale e centrale e fascia prealpina, ha portato gelate e fiocchi bianchi. Le precipitazioni hanno assunto carattere nevoso a tutte le quote, su quasi tutto il territorio regionale.

Vie e piazze di Crema e Cremasco sono state coperte da una coltre bianca di circa 10 centimetri. Con un forte vento da est e le superfici fredde e asciutte, la neve ha fatto presa. “Persino sulle superfici verticali come non accadeva da anni”, ci scrive un nostro lettore. Strade, parchi e piazze imbiancati e un silenzio surreale, ovattato, rotto in queste prime ore del giorno solo dai mezzi di Linea Gestioni, che stanno provvedendo alla messa in sicurezza del territorio. Le lame e i trattori sono in azione: sono 23 per le strade più due per le piste ciclabili, con due “sparaneve” manuali per marciapiedi e vicoli stretti. Al lavoro, dal “Piano Neve” comunale, sono previsti 6 tecnici e 62 operai, tra spazzamento manuale e autisti dei mezzi. Con le scuole e diverse attività chiuse, le problematiche da risolvere diminuiscono, ma l’allerta e il grosso sforzo rimangono.

La protezione civile informa che le precipitazioni proseguiranno nella mattina di oggi, spostandosi poi da ovest a est e interessando maggiormente, in questa fase, i settori centrali e orientali della regione. Nelle 24 ore di oggi lunedì 28 dicembre, gli accumuli attesi sulle zone di pianura saranno compresi tra 2-5 centimetri (su bassa bresciana, Mantovano, Cremonese orientale e Lomellina) e 10-20 centimetri (sui restanti settori di pianura), mentre sui rilievi mediamente tra 8-10 (Prealpi Varesine e Lario) e 20-30 centimetri (sui restanti settori e al crescere della quota). Stanotte sono attese ancora gelate: i cittadini sono invitati alla massima prudenza, sia in auto sia a piedi.