SABBIONI – “La Casa di Ale onlus”, nuovo progetto “Le botteghe dei diritti”

“Le botteghe dei diritti”. È questo il nuovo progetto dell’associazione “La Casa di Ale Onlus” dei Sabbioni. Un progetto a favore delle donne, ma non solo, che prevede la creazione di uno sportello di ascolto multisettoriale, pensato per affiancare chi si trova in un momento di difficoltà e ha bisogno di un sostegno o semplicemente di un consiglio.

“Lo sportello – spiega la presidente Paola Freddi, mamma di Alessandra Brusaferri – aprirà le porte a partire dal prossimo mese di gennaio, cofinanziato con contributo dalla Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona, che ha approvato e sostenuto il progetto”.  “Si tratta – continua la presidente – di uno spazio all’interno de ‘La Casa di Ale’ in via Toffetti numero 6, dove, per alcune ore al mese, le donne ospiti o le persone che stanno vivendo una situazione di disagio personale, potranno trovare, secondo le proprie necessità, sostegno psicologico, legale, sociale e sanitario attraverso i professionisti, il medico di base e il medico infettivologo dell’associazione, ma anche un supporto o una consulenza di medicina alternativa-Omeopatia, Fitoterapia e Floriterapia, in questo caso gestita da me, farmacista dell’associazione, esperta di omeopatia, Fiori di Bach e Fiori del Bush”.

Lo sportello sarà aperto sia alle donne ospiti della struttura dell’associazione sia alle donne segnalate dagli enti del territorio o a persone che, a un costo “sociale”, potranno richiedere direttamente l’intervento. Con questo servizio, “La Casa di Ale Onlus” consolida, amplia e qualifica il progetto di accoglienza e di aiuto in favore delle donne già in carico o delle persone che vorranno rivolgersi alla sua realtà per un intervento di counseling psicologico o di supporto legale, sociale o sanitario. Il progetto prevede, inoltre, l’attivazione di corsi di alfabetizzazione a favore delle nostre ospiti, ma anche per gli eventuali stranieri segnalati da altri enti presenti sul territorio. 

“Lo sportello sarà aperto nel rispetto delle normative e delle regole per la prevenzione della diffusione del Covid-19”, sottolinea sempre la presidente, ringraziando ancora chi crede in questo progetto e lo sostiene dal punto di vista finanziario. Per informazioni i cellulari di riferimento sono il 339.7520820 oppure il 391.4549948.