GIORNATA MONDIALE del Volontariato. Mattarella: “sincera gratitudine”

“In questa giornata desidero esprimere sincera gratitudine al mondo del volontariato e a quello del Terzo Settore, per il sostegno che sta assicurando alla comunità particolarmente colpita dalla pandemia”. Queste le parole di riconoscenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, di oggi 5 dicembre.
“In questi mesi, i volontari hanno svolto con dedizione e altruismo un ruolo fondamentale, dedicando spontaneamente il loro tempo alle persone in difficoltà”, il tributo del Capo dello Stato, che sottolinea come “nel rimanere vicino a chi soffre, ai più deboli, a chi ha bisogno di aiuto, i volontari hanno spesso sacrificato la propria salute, perdendo in alcuni casi anche la vita pur di donare aiuto”.
“La pandemia – rileva Mattarella – ha evidenziato fragilità sociali ed economiche. Le misure per cercare di rallentare la diffusione della pandemia hanno cambiato il modo in cui viviamo, ma le attività dei volontari e delle volontarie non si sono fermate portando, con coraggio e abnegazione, conforto fattivo alle categorie più vulnerabili”.
Il presidente evidenzia poi che “il volontariato nel nostro Paese ha radici lontane, è un importante volano di solidarietà ed è stato artefice, lavorando in sinergia con i territori, di un profondo cambiamento sociale che ha migliorato la qualità della vita della collettività”. “Sostenere il volontariato e facilitare la partecipazione dei nostri giovani in questo settore concorre alla formazione di cittadini responsabili in grado di affrontare sfide locali e globali, contribuendo attraverso l’inclusione alla creazione di una società sempre più equa e priva di pregiudizi, in cui si rafforzano i valori di generosità e di altruismo”, conclude Mattarella.

GIUSEPPE CONTE

“Rivolgo il mio pensiero ai volontari, al mondo dell’associazionismo e a tutti gli operatori del Terzo settore i quali, ancora di più di fronte alle difficoltà di questi mesi, si sono rivelati il ‘cuore pulsante’ del nostro vivere sociale. Li ringrazio perché nel momento del bisogno lo Stato ha potuto sempre trovare in loro un solido alleato capace di arrotolarsi le maniche e trasmettere forza e fiducia”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, in una nota diffusa in occasione della Giornata internazionale del volontariato.
“In questi ultimi giorni è emersa, purtroppo, la preoccupazione circa la prospettiva di una regolazione peggiorativa degli adempimenti fiscali riguardanti i soggetti che compongono il Terzo settore”, prosegue il premier. “Voglio assicurare che l’impegno del Governo è e sarà quello di continuare a condividere tutti gli aspetti dell’attuazione del Codice”, conferma Conte, spiegando che ciò avverrà “in particolare con la costituzione di un Tavolo di lavoro per quanto attiene agli aspetti fiscali della Riforma, che vedrà ministero del Lavoro, dell’Economia e Forum Terzo settore lavorare insieme per costruire un modello di fiscalità rispettoso dell’identità di questi soggetti e compatibile con la disciplina europea in materia”.

PRESIDENTE CROCE ROSSA

“Mai come quest’anno posso esprimere la sincera commozione e il grande orgoglio di essere il vostro presidente. Mai come oggi, in piena pandemia di Covid-19, tutto il mondo riconosce l’incessante opera delle donne e degli uomini della Croce Rossa”. In occasione della Giornata mondiale del volontariato del 5 dicembre, il presidente della Croce Rossa italiana, Francesco Rocca, ringrazia in un videomessaggio pubblicato sui canali istituzionali della Cri i volontari impegnati in questa emergenza dovuta alla pandemia. “Avevate paura, ma non siete mai arretrati di un passo. Necessariamente distanti dalle persone che assistevate e assistete e spesso dalle vostre famiglie – ma mai così vicini – avete dovuto fare i conti con la solitudine, lo stravolgimento dei ritmi abituali di vita. Qualcuno di voi ha perso il lavoro, affacciandosi a quella vulnerabilità cui, di solito, andavate incontro. Altri non hanno fatto più ritorno a casa. E li abbiamo pianti. Eppure avete risposto, sin dall’inizio, mettendo avanti a ciascun servizio la gentilezza, tenendo la mano dei pazienti nelle ambulanze in biocontenimento, rimanendo vicini ai malati nelle strutture sanitarie, ascoltando al telefono chi aveva bisogno di calore umano”.
Rocca aggiunge: “Avete bussato alle porte delle case portando spesa, farmaci ma, soprattutto, sorrisi e calore umano. E sempre con empatia e delicatezza avete effettuato i test, percependo il timore per il responso negli occhi di chi vi si sottoponeva. Tutto questo si può tradurre in un numero, concreto ma estremamente simbolico, che mette i brividi: un milione di giorni di volontariato in soli sei mesi, in base alla quantità di ore che avete offerto al nostro Paese”. “Oggi che è la Giornata mondiale del volontariato, care volontarie e volontari, mi inchino dinanzi al vostro esempio perché grazie a voi e al ‘tempo della gentilezza’ a cui avete dato vita, non perderemo mai la speranza in quello che oggi mi piace chiamare il ‘tempo della vittoria’ su questo maledetto virus”.