PANTELÙ – Crema: le iniziative per un Natale (comunque) di solidarietà

È un Natale strano quello che vivremo quest’anno, per i motivi che ben tutti conosciamo. Ma la luce brilla sempre nel buio e quella dei Pantelù, anche quest’anno, è la luce forte della solidarietà, pronta a donare un sorriso a chi ne ha più bisogno. Lo storico gruppo cremasco, all’interno del quale operano con passione una trentina di volontari, sarà presente e da Santa Lucia fino alla Befana non mancherà – pur nel rispetto delle limitazioni antiCovid – di portare dolcetti, pacchi di alimentari, materiale scolastico alle realtà che più necessitano di aiuti.

“Alcune iniziative – riferisce il responsabile Renato Stanghellini – sono forzatamente saltate rispetto al passato, così come abbiamo dovuto ridimensionare la nostra consueta attività. È un peccato, ma è il ‘prezzo’ che pure noi Pantelù dobbiamo pagare al Coronavirus. Ci dispiace tantissimo per il pranzo con gli anziani: era un momento di condivisione davvero bello, ma stavolta proprio non si può fare”.

L’avvio ufficiale delle attività verrà stato dato nel tardo pomeriggio di oggi, mercoledì 2 dicembre, in piazza Duomo a Crema, con l’accensione dell’Albero di Natale Giorgione alla presenza, con il sottofondo musicale, di Babbo Natale e degli amministratori comunali. Il ricavato della cassettina posta vicino all’albero sarà interamente devoluto alla Cooperativa di Bessimo onlus, che ha una sede anche a Crema in via Civerchi. Un’altra raccolta a cura dei Pantelù si tiene, invece, presso la navata centrale del centro commerciale Gran Rondò: sulla “slitta della solidarietà” è possibile donare materiale didattico.

Da sabato 5 dicembre, nella sede del gruppo in via delle Grazie 9 (sede attiva ancora per poco, visto che ci sarà poi il trasferimento in via XI Febbraio presso l’Arci di San Bernardino) inizierà la distribuzione delle “borse scuola”, con il materiale offerto dalla Conad di via Macello. Più di 100 “Borse scuola” con materiale didattico sono state inoltre consegnate in alcuni istituti scolastici, associazioni e oratori che provvederanno a distribuirle, a Crema e anche in altri paesi, a chi più ne ha bisogno.

“Da sabato 12 dicembre – fa sapere Stanghellini – pacchi di generi alimentari (quest’anno ne abbiamo una settantina) saranno consegnati agli anziani soli: un’iniziativa che realizziamo in collaborazione con l’Ufficio Assistenza Sociale e la Conad di Offanengo. Domenica 13 dicembre, invece, a Santa Maria della Croce, in Casa Anffas, la pizzata per i bambini diversamente abili promossa in collaborazione con il Ristorante Mezzo. Giovedì 24 dicembre, se possibile, saremo invece per le vie della città con i nostri Babbi Natale per distribuire caramelle (ne abbiamo 120 chili!) e peluches”.

Per via del Covid i Pantelù non potranno entrare, come era d’abitudine durante le festività, all’Ospedale Maggiore e nelle strutture di riposo per anziani. “Abbiamo però trovato una soluzione – afferma col sorriso Stanghellini – per quanto riguarda i bambini della Pediatria: sia a Santa Lucia sia in occasione della Befana, noi consegneremo i giochi che poi verranno distribuiti dal personale infermieristico, ben lieto quest’anno di ‘vestire’ i nostri panni. In tal modo non mancherà un dono e un sorriso per i piccoli degenti”.

Mercoledì 6 gennaio, infine, le Befane dei Pantelù – che hanno i permessi necessari per circolare – visiteranno le associazioni di volontariato, le Forze dell’Ordine e il Vescovo.