Castelleone – ‘Compra in Bottega’; progetto a sostegno del commercio

Da sinistra: Milanesi, Biaggi, Ruggeri e il logo di 'Compra in Bottega'

Rilanciare il commercio a Castelleone si può, anzi si deve. Questa la mission che anima non solo gli operatori di settore ma anche l’amministrazione comunale che giovedì sera, in conferenza stampa, ha presentato le sue idee. Un progetto a più step che ha nell’universo social e della buona comunicazione l’ambito nel quale agire e sul quale puntare. Dalle informazioni utili per gli acquisti online di acasa.castelleone.net, alla campagna ‘Compra in bottega – Castelleone’, con la quale il borgo in queste ore sta invadendo la rete, sino ad arrivare a progetti di formazione per i commercianti.
A presentare le iniziative in essere e in programma sono stati, in Comune, la consigliera con delega al Commercio, Valeria Biaggi, il presidente della Pro Loco – Botteghe di Castelleone, Antonio Ruggeri e il consigliere Riccardo Milanesi. Sono stati loro, insieme al consigliere Gianluigi Valcarenghi, i motori di questa suggestiva idea: far diventare ‘Compra in Bottega’ un brand e un messaggio quasi virale per vincere la concorrenza delle reti di e-commerce.
“Il commercio è patrimonio di Castelleone – hanno spiegato – quindi va tutelato e reso sempre più forte. Come? Promuovendolo con cartellonistica, vetrofanie, ma soprattutto con un marchio ben riconoscibile che dovrà accompagnare campagne mirate soprattutto a livello digitale. Il tutto con la collaborazione e la stretta sinergia dei commercianti chiamati a confluire in un portale che diverrà una sorta di centro commerciale virtuale ove tutta l’offerta castelleonese sarà in vetrina. Servono alleanze per emergere, noi siamo pronti per favorirle e far crescere sotto il profilo commerciale il paese non solo con marketing ma anche con progetti di formazione”. Una realtà aumentata da Instagram con la creazione di un QR code contenente il logo di ‘Compra in Bottega’ in modo che all’utilizzo, da parte di negozianti o acquirenti, il ‘brand’ si faccia sempre più battente.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo in edicola