Ricengo – Panchine rosse per dire basta alla violenza sulle donne

Da quest’anno anche il Comune di Ricengo aderisce al progetto ‘Panchine Rosse’ contro la violenza alle donne.

In previsione del 25 novembre, data istituita dalle Nazioni Unite come ‘Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne’, l’amministrazione comunale guidata da Ferruccio Romanenghi ha scelto di rispondere positivamente alla richiesta della Rete Con-Tatto del territorio cremasco.

L’iniziativa, promossa dal Comune di Crema ed estesa a tutti i paesi del territorio, prevede la realizzazione di panchine rosse da dislocare all’interno delle aree comunali allo scopo di sensibilizzare la popolazione. Le panchine rosse – come si vede nella foto, in allestimento – diventano simbolo evidente e tangibile, che non passa e non vuole passare inosservato proprio per accendere i riflettori rispetto al tema del femminicidio e dei diritti delle donne.

Il Comune ricenghese, con la frazione Bottaiano, ha abbracciato con grande entusiasmo il progetto riconoscendone “il valore e il profondo significato”, spiega il sindaco. Proprio due donne, l’assessore Rosella Assandri con delega all’Istruzione e la consigliera Beatrice Alberti, in capo alla Cultura si sono occupate della realizzazione delle panchine con il supporto, il sostegno e il ringraziamento di tutta l’amministrazione. “Le panchine in fase di lavorazione saranno installate una a Ricengo nel parco giochi di via Campo Mallo e una a Bottaiano nel parco giochi di via Don Guercilena nei prossimi giorni, in attesa della settimana del 25 novembre in cui il progetto vedrà esposta una frase fornita dalla Rete Con-Tatto a spiegazione e valorizzazione del progetto”.